Calcio – L’Fc Aprilia batte la vis Artena, tensioni dopo la partita

Archivio Sport, Sport  

Pubblicato 20-03-2017 ore 10:35  Aggiornato: 28-03-2017 ore 10:08

Calcio – Eccellenza – Vittoria tanto importante quanto sofferta per l’Aprilia, che torna seconda a pari punti con il Colleferro. Il match con la vis Artena si è giocato ieri al Quinto Ricci ed è finito 1-0: non sono mancati momenti di tensione. Alcuni tifosi della squadra ospite hanno danneggiato la porta di uno spogliatoio. Duramente criticate le affermazioni del presidente dell’Artena, “Il nostro tecnico Mauro Venturi, – ha commentato il direttore generale dell’Aprilia, Ciro Montella – all’ingresso del tunnel degli spogliatoi dopo il fischio finale, ha porto in segno di saluto la mano al Presidente Matrigiani. Il quale, però, l’ha rifiutata, – conclude – mancando completamente di eleganza e sportività”.

LA CRONACA

Partono forte le rondinelle, che dopo soli 2’ arrivano al tiro con Monteforte, la cui mira non è però precisa. Risponde con una conclusione dagli esiti uguali Pralini al 10’. Al 22’ ospiti pericolosi su calcio piazzato, con Sterpone bravo a pescare la testa di Pralini in area, con palla che si spegne a lato. Al 24’ è lo stesso Sterpone a crearsi un’ottima occasione: taglia fuori sia Sossai che Caruso, ma sulla linea capitan Montella spazza. Al 31’ l’Aprilia torna pericolosa, di nuovo con un tiro di Monteforte che finisce a lato di poco. Al 37’ ancora Sterpone protagonista, ma il suo sinistro da fuori viene respinto ottimamente da Caruso. Al 41’ la svolta: punizione da sinistra di Incitti, palla che arriva al limite sul destro di Bencivenga che non si fa pregare e tira. La palla viene deviata e Fortunati è tagliato fuori. Vantaggio che sprona le rondinelle, in controllo fino al termine della frazione.

Nel secondo tempo gli ospiti spingono molto e le rondinelle scelgono di amministrare per cercare qualche buona ripartenza. Nei primi 20’ Caruso è costretto a due interventi. Uno facile sulla rovesciata debole di Gatta. Uno decisamente più complesso sulla punizione di Valentino. Gli ospiti, nel corso dell’interminabile ripresa (7 i minuti di recupero concessi dal signor Gugliandolo di Messina) costruiscono altre 3 occasioni, tutte uguali tra loro. Da calcio piazzato Pralini si fa sempre trovare pronto sotto misura, sprecando sempre ottimi palloni.

La nota stonata di questa gara è il nervosismo scoppiato nel finale. Già nel primo tempo gli ospiti avevano dato segni di intemperanza, ma l’arbitro aveva scelto di redarguire solamente i giocatori di Prete. Ma, dopo l’allontanamento del tecnico, le cose sono peggiorate. Un espulso dalla panchina ed uno dal campo. Anche mister Venturi è stato allontanato a fine partita, ma solo perché chiedeva a gran voce il triplice fischio.

Che è arrivato al 53’, segnando per l’Aprilia il ritorno alla seconda piazza. Manca ancora tanto alla fine del campionato, ma poter guardare tutti da lassù è un bel vantaggio.

LA NOTA DELL’APRILIA DOPO LE DICIARAZIONI DEL PRESIDENTE DELL’ARTENA

La società F.C. Aprilia esprime il proprio disappunto per quanto pubblicato dal Presidente della società Vis Artena sui social network.

Commentando un articolo riguardante la partita odierna, il Presidente Matrigiani afferma di essere stato apostrofato con epiteti offensivi da esponenti della dirigenza apriliana. La società smentisce seccamente questa gratuita affermazione del Presidente della Vis Artena. Non è costume della F.C. Aprilia non rispettare gli avversari. Come siamo stati sportivi nella gara di andata, rendendo merito a chi si era imposto per 4-0, così lo siamo stati oggi. Il nostro tecnico Mauro Venturi, all’ingresso del tunnel degli spogliatoi dopo il fischio finale, ha porto in segno di saluto la mano al Presidente Matrigiani. Il quale, però, l’ha rifiutata, mancando completamente di eleganza e sportività.

Vogliamo inoltre segnalare come anche i tesserati della società Vis Artena abbiamo mostrato mancanza di rispetto nei nostri confronti. La porta dello spogliatoio riservato alla squadra ospite, infatti, è risultata danneggiata. Un gesto gravissimo ed inqualificabile.

Una ultima risposta la riserviamo al tema arbitrale. Chi si lamenta di ammonizioni ed espulsioni gratuite dovrebbe anche avere l’umiltà di ammettere che alcuni dei propri giocatori avrebbero meritato sanzioni ben più severe nel corso dei novanta minuti.

Ribadiamo che la società F.C. Aprilia non è solita soffermarsi su argomenti extra sportivi. Ma questa volta le accuse rivolteci, oltre che gravi, sono palesemente infondate. Speriamo che una volta passata l’adrenalina della gara ed il dispiacere per la sconfitta, il Presidente Matrigiani possa tornare sui suoi passi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 478  volte

Notizie Correlate

You must be logged in to post a comment Login