La Kammermusik di Aprilia a Livorno per il Didone ed Enea di Purcell

Archivio Spettacolo e Cultura  

Pubblicato 19-05-2017 ore 15:51  Aggiornato: 19-05-2017 ore 23:45

Aprilia sarà impegnata nella produzione del Didone ed Enea di Purcell, la prima opera lirica scritta in inglese andata in scena nel 1689. L’evento si terrà a Livorno nella sala cannoniera della Fortezza Vecchia questa sera alle 21 in occasione della Giornata Europea del Mare e dei Festeggiamenti di Santa Giulia. L’opera chiude il Festival Sanctae con il quale l’associazione Kammermusik di Aprilia sta collaborando da due anni. Dopo il successo dell’anno scorso con l’esecuzione della Petite Messe Solemnelle e dello Stabat Mater, entrambi di Giochino Rossini, quest’anno il progetto è più ambizioso e prevede l’esecuzione integrale dell’opera di Purcell, un omaggio anche alla nostra terra nella quale secondo il mito virgiliano è sbarcato Enea. Quest’anno l’associazione Kammermusik ha collaborato con tantissime realtà apriliane per la buona riuscita dell’evento. La Moisycos Ballet Academy di Aprilia diretta dal maestro Daniela Bottiglieri Ha preparato le coreografie delle parti danzate dell’opera con le ballerine Martina De Paolis, Sara Toyn A. Martins e Maria Elena Spano’. La regia è affidata a Gianfranco Iencinella della Compagnia Teatro Finestra insieme a Rosalba Rizzuto che si è occupata dei costumi. Il centro La Saggezza di Mina Modugno ha offerto i locali per le prove a cui ha partecipato un cast di oltre 50 persone.

Il coro Incontrocanto di Ardea sarà impegno nelle scene commentate mentre la Kammermusik con Francesco Capodilupo e Gabriella Vescovi impegnerà i musicisti: Riccardo Toffoli al pianoforte, Claudio Di Lelio, Oscar Di Raimo, Gerardo Galizia e Claudio Aiello agli archi. Come sempre tutto il progetto è coordinato dal soprano di fama internazionale Michela Sburlati, insegnante di canto al conservatorio di musica di Perugia, premio Wagner alla carriera. Tutta l’opera sarà diretta dal Maestro Emanuele Lippi, assistente di Gustav Kuhn tra i più importanti direttori del mondo. Per l’occasione sarà presente il sindaco di Aprilia Antonio Terra. L’opera verrà replicata ad Aprilia il prossimo 10 giugno. “Il mare è protagonista delle gesta memorabili di figure eroiche che lo attraversano, tra avventure, sventure, sogni e speranze. –dice il direttore artistico del festival livornese Marta Lotti- Didone, regina di Cartagine, sedotta e abbandonata da Enea, chiamato dal fato a ripartire per dare origine al popolo romano, fermamente rifiuta il ripensamento di questi e si uccide; la pietas, senso del dovere assoluto, guida Enea verso i doveri religiosi della sua missione, anche sacrificando l’amore per Didone. Anche Santa Giulia, che il Festival vuole celebrare, è una ricca e nobile donna cartaginese che, rifiutandosi di abbandonare la fede, viene sottoposta a torture, flagellazioni fino alla crocifissione”. Numerosi gli interpreti di questa rappresentazione: nelle vesti di Didone, regina di Cartagine è il mezzosoprano Marta Lotti, Jing Deng interpreta Enea, il soprano Federica Raja è Belinda, la seconda dama Martina Parravano, la Maga il mezzosoprano Tiziana Fabietti, la Prima Strega Filomena Fiorino, la Seconda strega Helena Lackner, la Terza e quarta strega Elena Rubeca e Chiara Jobino Pettirossi, lo Spirito Xiaoyan Zhou, il Marinaio Francesco Leonardi. L’esemble solistico è composto dai cantanti: Filomena Fiorino, Helena Lackner, Maria Chiara Lazzerini, Diletta Mainardi, Elisa Sammaciccio, Anna Faillace, Amanda Gentini, Xiaoyan Zhou, Elena Rubeca, Martina Parravano, Chiara Jobina Pettirossi, Paolo Bernardi, Roberto Palazzo, Roberto Capasso, Paolo Morelli e Giovanni Ferrisi.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 732  volte

Notizie Correlate

You must be logged in to post a comment Login