Tracce del perverso gioco “Blue Whale” anche in provincia di Latina: adescate due bambine.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 18-05-2017 ore 09:17  Aggiornato: 26-05-2017 ore 09:12

Tracce del perverso gioco “Blue Whale Challenge” – lanciato in Russia e che ha portato al suicidio decine di adolescenti – anche in provincia di Latina. Due ragazzine minorenni del capoluogo pontino, entrambe di appena 10 anni e che frequentano la quinta elementare, secondo quanto riporta questa mattina il quotidiano Il Messaggero, sarebbero state adescate in una chat anonima creata su WhatsApp, dove il “tutor” aveva già inviato le regole del gioco perverso e dal drammatico finale. “Blue Whale” è sfida lunga 50 giorni nel corso dei quali i giocatori vengono sottoposti a prove autolesionistiche; l’ultima, la più terrificante, è quella di suicidarsi lanciandosi dal palazzo più alto della propria città. A Latina, i genitori delle due bambine adescate in chat, hanno presentato formale denuncia alle forze dell’ordine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 37851  volte

Notizie Correlate

You must be logged in to post a comment Login