18 arresti della Finanza di Latina per frode fiscale e corruzione: in manette commercialisti di Aprilia, imprenditori e due pubblici ufficiali.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 13-02-2018 ore 15:17  Aggiornato: 14-02-2018 ore 12:12

Operazione Super Job: la Guardia di Finanza di Latina ha eseguito questa mattina 18 arresti e sequestrato oltre 15 milioni di euro di beni ad un’organizzazione criminale dedita a reati tributari e contro la pubblica amministrazione e che operava su scala internazionale. L’inchiesta, condotta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Latina e dalla Tenenza di Aprilia, è stata coordinata dai sostituti procuratori Luigia Spinelli e Giuseppe Bontempo e si è conclusa con i provvedimenti restrittivi emessi dal gip Pierpaolo Bortone. Ad inchiodare gli indagati alcuni testimoni, ma anche intercettazioni telefoniche e ambientali.

La frode – secondo quanto ricostruito dalla Finanza – veniva messa in atto attraverso fatture per operazioni inesistenti per un valore totale di ben 90 milioni di euro. In arresto, tra gli altri, 6 commercialisti che mettevano a disposizione del sodalizio criminale le loro competenze professionali per raggirare il fisco, e due pubblici ufficiali corrotti. L’insidioso sistema clientelare facente capo a tre commercialisti apriliani che sfruttavano illecitamente i loro contatti presso gli uffici pubblici per agevolare i loro clienti. I fondi ottenuti dall’attività venivano trasferiti all’estero simulando l’acquisto di servizi presso società londinesi riconducibili all’organizzazione.

Le persone coinvolte:

In carcere: Enrico F., Fabio C., Corrado S., Alessandro A., Andrea A., Giovanni V., Carmine S., Andrea N., Salvatore M.

Ai domiciliari: Mauro C., Graziella C., Pedrag K., Clementina S., Anna Maria A., Simona N., Marco C., Stefano F., Giacomo C..

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 11543  volte

Notizie Correlate

You must be logged in to post a comment Login