A Sermoneta per due giorni si simula il soccorso a seguito di terremoto.

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 09-10-2019 ore 11:18  Aggiornato: 10-10-2019 ore 18:50

Il Comune di Sermoneta, in caso di terremoto, vuole essere pronto a fornire le risposte alla popolazione e un soccorso immediato a chi è in difficoltà, attivando immediatamente la macchina degli aiuti. Per raggiungere un elevato grado di preparazione, c’è bisogno di esercitarsi e per questo, per le intere giornate di oggi, mercoledì 9 Ottobre, e domani (giovedì 10 ottobre), il centro storico sarà interessato da una prova di soccorso per evento sismico che interesserà tutti gli edifici pubblici del borgo: la scuola, le chiese e i musei di proprietà comunale e gli altri edifici pubblici sensibili.

L’esercitazione è promossa dall’associazione ingegneri volontari per l’emergenza (AIVEM) dell’Ordine degli Ingegneri di Roma e provincia, con il supporto del centro operativo comunale – formato dal sindaco e dai responsabili della Polizia locale e dell’ufficio tecnico – e della protezione civile di Sermoneta. L’esercitazione testerà l’efficacia del piano di protezione civile comunale.

“Essere pronti a ogni tipo di emergenza legata ai terremoti è fondamentale per affrontare al meglio le situazioni critiche. Quanto accaduto ad Amatrice e nell’Italia centrale nel 2016 deve essere da monito per ogni amministrazione comunale, perché i fenomeni naturali sono purtroppo imprevedibili. L’esercitazione di protezione civile – spiegano il sindaco Giuseppina Giovannoli e l’assessore alla protezione civile Alberto Battisti – rappresenta il massimo momento in cui mettere alla prova il sistema organizzato di risposta alle emergenze, sotto il profilo delle competenze, di relazione tra componenti operative e della adeguatezza logistica.

La popolazione del centro storico vedrà un po’ di movimento in questi due giorni: vogliamo rassicurare sul fatto che si tratterà di una semplice esercitazione per la sicurezza di tutti. Con l’occasione ringraziamo quanti si sono messi a disposizione per collaborare: gli uffici comunali, i volontari della Protezione civile, l’Aivem e tutti i soggetti coinvolti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto171 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login