Abusa sessualmente della figlia minorenne e minaccia di sfregiarla con l’acido: un uomo della provincia di Latina arrestato dalla Polizia.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 12-01-2022 ore 12:09  Aggiornato: 19-01-2022 ore 11:51

la Questura di Latina

Avrebbe abusato sessualmente della figlia minorenne: un uomo della provincia di Latina, ieri sera è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Latina, con la collaborazione dei colleghi della Squadra Mobile di Vercelli, città dove l’uomo si era trasferito da anni per motivi di lavoro. Le manette sono scattate in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Latina, la dottoressa  Giorgia Castriota. L’uomo è indagato per i reati di maltrattamenti e violenza sessuale, commessi nei confronti della figlia tra il 2018 ed il 2020, quando la giovane era ancora minorenne. Nei giorni scorsi la vittima – nonostante il padre negli ultimi tempi l’avesse addirittura minacciata di sfregiarla con l’acido se avesse denunciato gli abusi – ha trovato finalmente il coraggio di raccontare alla Polizia quanto subito.

“Le indagini, coordinate dalla  dott.ssa Martina Taglione della Procura di Latina – si legge nella nota stampa della Questura di Latina – permettevano agli investigatori della Squadra Mobile di Latina  di riscontrare che la giovane donna è stata vittima, nella provincia di Latina, tra il 2018 ed il 2020, di ripetuti episodi di violenza fisica e psicologica, ed abusata sessualmente in almeno due circostanze dal padre, il quale inoltre per dissuadere la figlia dal denunciare l’accaduto, la intimoriva, negli ultimi tempi, inoltrandole dei messaggi di testo con cui la minacciava di sfregiarla con l’acido.

La giovane, nei giorni scorsi, ha trovato il coraggio di raccontare quanto subito e denunciare i fatti in Questura. L’uomo è stato rintracciato ed arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Latina, in collaborazione con la Squadra mobile di Vercelli, dove il prevenuto si era trasferito da anni per motivi di lavoro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login