fbpx
HomeArchivio Altre NotizieAccertato un caso di scabbia all’Istituto Comprensivo “Arturo Toscanini” di Aprilia. Il...
spot_img

Accertato un caso di scabbia all’Istituto Comprensivo “Arturo Toscanini” di Aprilia. Il Dirigente Raponi: “Nessun allarmismo”.

Articolo Pubblicato il :

Accertato un caso di scabbia all’Istituto Comprensivo “Arturo Toscanini” di via Amburgo, ad Aprilia. A darne notizia, attraverso un avviso pubblicato sul sito internet dell’Istituto, è il Dirigente Scolastico, il Professor  Enrico Raponi. “La scabbia è un’infezione contagiosa della pelle causata da un parassita molto piccolo che si annida sotto l’epidermide procurando intenso prurito. Senza creare inutili allarmismi, – ha detto Raponi – si precisa che il contagio avviene in genere per contatto diretto e prolungato. Le probabilità di contagio sono molto basse, quindi, in ambito scolastico”. I genitori sono stati, comunque, invitati a controllare i propri figli, ponendo attenzione alla comparsa di sintomi quali prurito e lesioni cutanee.

Ecco l’AVVISO pubblicato sul sito dell’Istituto il 27 ottobre scorso, a firma del Dirigente Scolastico, il Professor  Enrico Raponi:

“Si comunica che è stato accertato un caso di scabbia nel nostro Istituto. La scabbia è un’infezione contagiosa della pelle causata da un parassita molto piccolo che si annida sotto l’epidermide procurando intenso prurito. Senza creare inutili allarmismi, si precisa che il contagio avviene in genere per contatto diretto e prolungato, pelle contro pelle; l’acaro della scabbia si annida tra lenzuola, biancheria, coperte e asciugamani, che dunque vanno sottoposti a lavaggio caldo nelle comuni lavatrici domestiche.

Si evidenzia pertanto che le probabilità di contagio sono molto basse in ambito scolastico. Non potendo tuttavia escludere con certezza il rischio, si invitano i genitori a controllare i propri figli, ponendo particolare attenzione alla comparsa di sintomi quali prurito e lesioni cutanee.

Nel caso compaiano tali sintomi, si consiglia di accompagnare il proprio figlio dal medico curante o dal pediatra per una visita di controllo.

Il personale ausiliario della scuola intensificherà le normali pulizie a garanzia dell’igiene ambientale; si precisa comunque che i parassiti non sopravvivono più di tre-quattro giorni nell’ambiente al di fuori della pelle.

La situazione continuerà ad essere attentamente e scrupolosamente monitorata e saranno resi noti eventuali ulteriori sviluppi”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE