HomeArchivio Altre NotizieAPRILIA – Anche gli studenti del Rosselli al freddo, la protesta. I...
spot_img

APRILIA – Anche gli studenti del Rosselli al freddo, la protesta. I termosifoni, però, sono accesi.

Articolo Pubblicato il :

Anche gli studenti dell’istituto “Rosselli” di via Carroceto, ad Aprilia, al freddo: questa mattina è andata in scena la protesta degli alunni, supportati dal Blocco Studentesco. I ragazzi si dicono “stufi di seguire le lezioni in condizioni di freddo” e per questo, oggi, hanno deciso di non entrare nelle aule. La Provincia di Latina in realtà si è attivata sin da subito. Già in settimana è stato eseguito un controllo agli impianti di riscaldamento, un nuovo sopralluogo è in programma lunedì prossimo per valutare se ci sono dei componenti da cambiare. La situazione è comunque sotto controllo.

“Nonostante i riscaldamenti siano accesi – hanno detto gli studenti – le aule sono fredde, a causa del debole calore sprigionato dai termosifoni”.

“Le aule non hanno le finestre termo isolate, – sostiene il Blocco Studentesco – e in alcune mancano i pannelli del soffitto o addirittura le porte. In questi giorni in cui siamo rientrati dalle vacanze; molti ragazzi seguono le lezioni con le coperte, guanti e cappelli. Nonostante non siano mancate lamentele, ad oggi i riscaldamenti non offrono un adeguato rimedio al freddo, quindi i ragazzi hanno deciso di uscire dalle classi e protestare. Insieme agli studenti – continua la nota- abbiamo deciso di compilare una lista di problematiche legate all’edilizia scolastica del plesso ovest dell’istituto, e chiedere un immediato intervento per garantire un normale svolgimento delle lezioni.”

“Siamo decisi – conclude la nota – a continuare la nostra protesta finché non sarà assicurato un adeguato riscaldamento, continuando a vigilare perché siano adottate misure di manutenzione all’interno delle aule.

Ai tempi della Buona Scuola e dei tagli alla scuola pubblica, è fondamentale combattere perché siano rispettati i diritti degli studenti. Noi non fuggiamo, come vorrebbe il ministro Poletti, noi restiamo. – conclude la nota – Sicuri di poter cambiare attraverso l’azione, quel mostro burocratico rappresentato dalle istituzioni scolastiche”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE