HomeArchivio Altre NotizieAprilia, disagi alle Poste: file estenuanti, bancomat non sempre utilizzabili. L'appello al...
spot_img

Aprilia, disagi alle Poste: file estenuanti, bancomat non sempre utilizzabili. L’appello al sindaco dei cittadini furiosi: “Si faccia qualcosa subito” FOTO

Articolo Pubblicato il :

Lunghe code, ogni giorni, continui disservizi, bancomat non sempre funzionanti e sportelli aperti a singhiozzo: questo ed altro sono le Poste di Aprilia. La denuncia arriva da numerosi cittadini che si trovano a dover usufruire dei servizi di Poste Italiane rimanendo ogni volta intrappolati in un calvario inaccettabile. Aprilia ha quasi 80 mila abitanti eppure in centro le cose non vanno come dovrebbero. Sia presso l’ufficio di piazza Marconi, sia presso quello più piccolo di via Goito. <Ogni volta che è giorno di pensione – racconta un cittadino – rimaniamo in fila, al freddo spesso, per almeno 3 ore. Non è concepibile, anche perché non si capisce bene il motivo. L’ufficio di via Goito poi ha problemi ogni giorno. Spesso viene chiuso perché ha i terminali in tilt, oppure non ha sufficiente personale. Inoltre – aggiunge il cittadino –  gli sportelli Atm di poste, sia quello su via dei Lauri, sia quello di via Goito, non funzionano sempre lasciando noi utenti di Poste nell’oblio. Se abbiamo bisogno di liquidi in sostanza non è detto che le nostre richieste possano essere soddisfatte. Ma i problemi sono tantissimi, troppi e nessuno, soprattutto le istituzioni intervengono>. L’appello viene rivolto all’amministrazione comunale. <Il sindaco Terra dovrebbe quantomeno capire se c’è un modo per sollecitare i vertici Poste ad eseguire delle verifiche – spiegano i cittadini – dovrebbe inviare una missiva documentando ogni disservizio e aiutando i cittadini ad avere un servizio migliore. Lo merita la città, lo meritano tutte le persone anziane che ogni volta si trovano in difficoltà>. Di recente a causa di lavori gli uffici sono rimasti chiusi senza alcun preavviso: <Non c’è rispetto per noi utenti – conclude il cittadino furioso –  eppure siamo noi il punto di riferimento con cui interfacciarsi. I nostri soldi spesso finiscono in un conto Poste. Ci vuole rispetto>.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE