Aprilia – Odori nauseabondi, gli studenti del liceo Meucci vanno via da scuola. E’ caos

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 30-10-2017 ore 10:35  Aggiornato: 07-11-2017 ore 10:29

Odori nauseabondi a causa delle esalazioni che arrivano dal Fosso della Ficoccia, i ragazzi dell’istituto superiore Meucci di Aprilia vanno via da scuola prima della fine delle lezioni. Da questa mattina, infatti, i cattivi odori sono più pesanti del solito. Gli studenti quindi per protesta hanno deciso di tornare a casa. I genitori sono quindi andati a prenderli, nonostante questa mattina le lezioni siano iniziate regolarmente. “Non si riesce a stare in classe per gli odori nauseanti – spiegano gli studenti – sono settimane che abbiamo denunciato i disagi”. I miasmi provengono dal Fosse della Ficoccia, come già stabilito dal Comune di Aprilia dopo alcuni accertamenti eseguiti dalla polizia locale e dall’Arpa. Nonostante questo però non si è ancora riusciti a trovare una soluzione per impedire che le esalazioni travolgano l’istituto Meucci che si trova proprio nelle vicinanze del canale. A provocare i cattivi odori probabilmente delle sostanze oleose sversate nell’acqua da un frantoio della zona.

Sul posto poco fa è arrivato anche il sindaco Antonio Terra per tentare di tranquillizzare i ragazzi. Non ci sarebbero pericoli, secondo quanto riferisce l’amministrazione, a causa degli odori molesti. Restano però i forti disagi. Complesse anche le procedure per poter far uscire prima il proprio figlio da scuola. I genitori infatti devono firmare dei moduli per portare a casa il loro figlio. Una situazione che sta generando un vero e proprio caos.

LA NOTA DEL COMUNE DI APRILIA

Questa mattina il Sindaco di Aprilia Antonio Terra, congiuntamente alla Polizia Locale, ha effettuato un sopralluogo nel liceo “Antonio Meucci” dove a causa del persistere dei miasmi provenienti dal vicino Fosso della Ficoccia la popolazione studentesca si è astenuta dallo svolgimento dall’attività didattica.

Il Sindaco ha incontrato il dirigente scolastico, professoressa Laura de Angelis, e i rappresentanti degli studenti che hanno vivamente espresso il loro disagio, causato da presunti sversamenti illeciti sul territorio di Lanuvio con effetti negativi a valle, cioè entro i confini apriliani.

Al fine di diminuire nell’immediato la puzza, l’Amministrazione ha disposto l’irrigazione a mezzo autobotte del fosso in un punto a monte, per permettere il deflusso delle acque stagnanti. Il servizio di autobotte è già partito e proseguirà anche nella giornata di domani.

Contestualmente, oggi alle 13.30 il Consorzio di Bonifica su sollecitazione dell’Amministrazione comunale ha effettuato un sopralluogo per procedere alle richieste operazioni di pulizia del fosso onde evitare future stagnazioni.

Entro domani mattina, poi, Arpa Lazio trasmetterà al Comune di Aprilia i risultati analitici dei prelievi delle campionature effettuate giovedì 26 ottobre ultimo scorso e che saranno rese note alla cittadinanza non appena perverranno agli uffici comunali. Ad ogni modo, la stessa Arpa escluderebbe la presenza di sostanze tossiche per la salute umana, trattandosi di un infestamento di natura organica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 15642  volte

You must be logged in to post a comment Login