Basket femminile di serie B: oggi la prima di campionato per la Virtus Aprilia, ospite del San Raffaele Roma.

Archivio Sport  

Pubblicato 06-03-2021 ore 11:57  Aggiornato: 06-03-2021 ore 18:00

Basket, campionato femminile di serie B: ad un anno esatto dall’ultima gara ufficiale, la Virtus Basket Aprilia è pronta per cominciare un nuovo cammino. Oggi le pontine saranno ospiti del San Raffaele Roma.

Un campionato inedito, straordinario, figlio dei tempi. Sarà diviso in tre gironi da quattro squadre: le prime di ciascun girone verranno ammesse in un girone unico a sei squadre (poule promozione), mentre le ultime due disputeranno la poule retrocessione. La prima fase si svolgerà solo nei giorni festivi, mentre la poule promozione/retrocessione avrà due turni infrasettimanali. Le ragazze sono gasate ed entusiaste e la società è orgogliosa di aver mantenuto il roster completo con soltanto una defezione nonostante sia questa la terza volta che le ragazze si ritrovano a ricominciare tutto da capo.

Ma oramai ci siamo, manca davvero poco alla palla a due, quali sono le sensazioni? Ce li racconta Coach Lorenzo Rubinetti: “La voglia di ricominciare è fortissima. Siamo consapevoli delle difficoltà, del momento storico che stiamo vivendo, ma entrare in palestra e vedere così tanta determinazione da parte delle ragazze, dello staff e della società, è stato fondamentale per ricominciare, ma capisco i motivi per cui non tutti se la sono sentita di ripartire.”

La lunga assenza dal campo porterà ogni giocatrice a reagire in modo diverso. Sarà un duro lavoro da parte dei tecnici rinnovare la mentalità, duramente ricercata, dopo il brusco stop dello scorso anno. “Ricominciare per la terza volta comporterà dei cambiamenti rispetto alla situazione iniziale. In primis le squadre non sono ancora al top della condizione con soltanto un mese di preparazione, senza dimenticare lo stato emotivo e psicologico che ci porteremo dietro. Nella prima fase soprattutto conterà consolidare il gruppo-squadra, allenando la capacità di sopportare le avversità: il tutto si alleggerisce se ci supportiamo a vicenda, se ci concentriamo a superare le difficoltà tutti insieme.”

Alla terza ripresa, il gruppo è ancora florido e robusto: “Nonostante tutto – continua Coach Rubinetti – il gruppo è ancora composta da 16/17 giocatrici. Questo sta a significare che non c’è soltanto la voglia di tornare in campo ma anche quello di ritornare a vivere il gruppo, e ciò non è così scontato.” La formula del campionato tanto strana quanto inedita fa parte di un discorso più ampio sulla salvaguardia delle giocatrici e delle società: “La tutela della salute di tutti deve essere rispettata il più possibile – conclude Coach Rubinetti – e la formula del campionato è stata elaborata proprio per diminuire il più possibile i contagi, giocando sulla prossimità delle squadre in particolar modo nella prima fase. La seconda fase è la naturale conseguenza della formula della prima”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login