Candidato sfregiato a Latina, “Il Viminale intervenga per riportare sicurezza nella campagna elettorale”

Archivio Politica  

Pubblicato 15-09-2021 ore 09:25  Aggiornato: 22-09-2021 ore 08:54

“Quanto avvenuto a Latina lunedì scorso, dove un  candidato al consiglio comunale è stato sfregiato e minacciato, è di una gravità inaudita. Ho voluto sollevare il caso in aula e ho chiesto al ministro dell’interno Luciana Lamorgese di intervenire, riferendo in Parlamento su quanto si sta facendo per riportare sicurezza e serenità nella campagna elettorale nel capoluogo pontino e per far sì che vengano svolte tutte le necessarie indagini affinché chi ha compiuto un gesto tanto grave quanto vile venga individuato e punito. Un pensionato, Massimo Gibbini, impegnato nel sociale e che ha scelto di candidarsi con la civica Fare Latina, a sostegno dell’aspirante sindaco Annalisa Muzio, è stato avvicinato da due ignoti scooteristi nei pressi del suo point elettorale, in piazzale Carturan, che fingendo di voler chiedere un’informazione lo hanno accoltellato, urlando che lui e i componenti della sua lista dovevano andarsene. Solo la prontezza di riflessi di Gibbini, che si è difeso alzando un braccio, ha evitato che perdesse un occhio. E’ stato ferito a una mano, al braccio e al volto. Un caso del genere conosce ben pochi precedenti in Italia ed è avvenuto a Latina, una città che, come emerso da diverse inchieste antimafia, nelle precedenti campagne elettorali ha visto i clan rom impegnati nell’attacchinaggio e nella compravendita di voti per diversi candidati. Quanto avvenuto terrorizza i cittadini, mette in pericolo il libero esercizio democratico del voto e soprattutto spaventa quanti accettano di candidarsi e mettersi così al servizio di una comunità. La candidata Muzio ha dichiarato di aver subito anche altre minacce e quanto sta accadendo non è tollerabile. Non si può accettare che a poche ore di distanza dall’aggressione il prefetto di Latina, il rappresentante del Governo sul territorio, indichi come risposta un aumento dei controlli tramite i vigili urbani. Per la seconda città del Lazio, il capoluogo della mia provincia, chiedo molto di più. I candidati devono essere liberi, a Latina come nel resto d’Italia, di svolgere la loro campagna elettorale senza dover temere l’intervento di squadracce e i cittadini devono poter scegliere serenamente chi votare”. A dichiararlo Raffaele Trano (L’Alternativa C’è), membro della Commissione bilancio alla Camera.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login