Coronavirus, il sindaco di Anzio si sfoga: “Psicosi inutile, venite a visitare la città”

Archivio Politica  

Pubblicato 27-02-2020 ore 16:28  Aggiornato: 05-03-2020 ore 16:24

“Se in questi giorni non è cambiata anche la Costituzione Italiana, sono ancora le Regioni, insieme allo Stato ed ASL territoriali, gli Enti competenti in materia di tutela della salute. Il Comune di Anzio non ha partecipato all’incontro, convocato dalla Città Metropolitana e dal Sindaco Raggi, in quanto sul coronavirus ci atteniamo alle indicazioni dello Stato e della cabina di regia regionale istituita dall’Assessore D’Amato”.

Lo ha affermato il Sindaco di Anzio, Candido De Angelis, che interviene anche rispetto alla recessione economica nazionale che, inevitabilmente, avrà conseguenze negative anche sul litorale romano: “Nell’Italia dove circa cinquecento persone al giorno muoiono di cancro e diverse centinaia all’anno di influenza, con un’overdose di comunicati, post, interviste, dichiarazioni da – Independence day -, si è tenuto insieme un Governo al capolinea ma, purtroppo, si è generata una psicosi collettiva, anche in località poco toccate dalla problematica, che potrebbe dare il colpo di grazia all’economia italiana. Le associazioni di categoria, questa mattina, – prosegue il Sindaco De Angelis – evidenziano il crollo delle prenotazioni turistiche, fino al 90%, con ripercussioni drammatiche sull’occupazione e sulle imprese italiane. Come Amministrazione, insieme al coronavirus, rispetto al quale necessita comunque essere vigili, siamo molto preoccupati per le imprese del territorio e per tutte quelle attività che, nell’unica città Bandiera Blu e Bandiera Verde della Provincia, operano nell’indotto diretto ed indiretto del turismo. Sarà un altro fine settimana con temperature primaverili, – conclude il Sindaco di Anzio, Candido De Angelis – invito i cittadini ed i turisti a trascorrerlo serenamente sul nostro splendido litorale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login