Covid, Ricciardi: “Aifa approvi i monoclonali già in commercio”

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 27-01-2021 ore 17:44  Aggiornato: 03-02-2021 ore 17:41

“Non mi sembra questo il momento di perdere del tempo per una procedura sicuramente piu’ lunga, quando Germania, Stati Uniti e Canada li hanno gia’: Aifa approvi i monoclonali gia’ in commercio”. Lo ha detto, all’agenzia Dire, Walter Ricciardi, ordinario di igiene e medicina preventiva all’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore.

“A suo tempo, diversi mesi fa, avevo fatto presente che doveva essere costruita una strada preferenziale per l’approvazione degli anticorpi monoclonali che, dalle evidenze, risultano ridurre morte ed ospedalizzazione nei pazienti Covid del 70%- ha spiegato Ricciardi- Anche perche’ parliamo di anticorpi monoclonali gia’ attualmente in commercio, non stiamo disquisendo degli sperimentali di Rino Rappuoli, grande ricercatore italiano, che li sta sviluppando con Toscana Life Sciences in un sistema pubblico-privato che infatti come governo stiamo sostenendo. Quando c’e’ una terapia che previene anche gia’ l’ospedalizzazione con una percentuale cosi’ alta, non puoi evitare di utilizzare gli anticorpi gia’ in commercio. Mi chiedo perche’ Aifa, sebbene anche il ministro della salute Roberto Speranza sia d’accordo nel loro utilizzo, non li approvi velocemente”.

Ricciardi ha ricordato che “Canada, Stati uniti e Germania hanno gia’ acquistato il prodotto e l’Italia, che ne avrebbe molto bisogno con 500 morti al giorno, no. E’ competenza dell’Aifa procedere velocemente ma stiamo perdendo tempo con una call che l’agenzia ha avviato per fare una sperimentazione sui monoclonali. Con tutti i morti che abbiamo ogni giorno, sarebbe meglio utilizzare quelli gia’ in commercio. Un anticorpo monoclonale, se lo somministri in forma precoce, ad esempio entro sei giorni dalla comparsa dell’infenzione ai degenti delle Rsa o ai pazienti anziani, puoi salvarli”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login