Dal 5 gennaio prossimo il quotidiano “La Provincia” di Latina non uscire#224; pie#249; in edicola.

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 05-01-2014 ore 01:33

Il Comitato di Redazione contesta la decisione unilaterale dell’editore ritenendola "una grave lesione della dignità dei dipendenti". Indetto lo sciopero generale.

Dal 5 gennaio prossimo il quotidiano "La Provincia" di Latina non uscirà più in edicola, lasciando per strada 21 persone con le loro famiglie. Questo, quanto è stato comunicato ieri ai dipendenti dall’editore, il presidente della cooperativa "Effe Coop Editoriale", spiegando, inoltre, che "nel periodo decorrente dalla data di sospensione dell’edizione di Latina, vale a dire il 5 gennaio, e quella di un eventuale accordo sindacale, il 50% dei dipendenti, giornalisti e poligrafici, verrà collocato in cassa integrazione straordinaria a zero ore, il restante 50% sarà in ferie. Il Comitato di redazione, l’associazione Stampa Romana e e le sigle sindacali di categoria, appresa la notizia, hanno immediatamente deciso di proclamare lo sciopere generale, iniziato già ieri e che terminerà il 4 gennaio, contro la drastica decisione di chiudere la sede di Latina, per la mancata retribuzione di 7 mensilità, per la tredicesima ed anche per le spettanze accessorie."Grave il trattamento riservato ai dipendenti. – si legge nella nota a firma di Stampa Roma, del Comitato di Redazione de lla Slc Cgil di Latina e Frosinone – Le cause di tale decisione sono rappresentate sempre dalla motivazione per cui ‘dalla data di accordo di Cigs (al 50% per tutti i dipendenti di Latina e Frosinone, ndr) in Regione Lazio dell’8/11/2013 sono intervenuti nuovi fatti’ che si sostanziano nella revoca dei contributi per l’editoria relativi agli anni 2008-2009-2010 ‘con conseguente obbligo di restituzione di quanto ricevuto’.Il Comitato di Redazione contesta tale decisione unilaterale dell’editore ritenendola una grave lesione della dignità dei dipendenti coinvolti, come persone e come lavoratori. I giornalisti e i poligrafici della redazione di Latina hanno sempre dato ampia disponibilità per il rilancio della testata. Un rilancio che, alla luce di questa ultima decisione, l’editore evidentemente non vuole scegliendo la soluzione più facile: chiudere la redazione e lasciare – di fatto – per strada" 21 persone con le loro famiglie".

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 431  volte

Notizie Correlate

You must be logged in to post a comment Login