Depuratore a La Gogna, ad Aprilia: salta la consegna

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 18-11-2019 ore 18:30  Aggiornato: 25-11-2019 ore 16:44

Depuratore a La Gogna, ad Aprilia: salta la consegna ad Acqualatina. I residenti della periferia sono di nuovo sul piede di guerra dopo l’ennesimo rinvio. Il depuratore doveva essere affidato al gestore venerdì scorso: “Nell’ultimo comunicato del  Consorzio La Gogna, pubblicato con un post sul blog borgatenews.blogspot.com – spiega De Paolis – esprimevamo nel titolo la preoccupazione che  l’impegno assunto dal Sindaco sul passaggio di gestione del depuratore il 15 novembre alla Società  Acqua Latina, poteva  ancora una volta non essere rispettato per le motivazioni che abbiamo riportato sullo stesso post.

         E questo   è avvenuto e il titolo del comunicato, che riporteremo sul blog, sarà lo stesso, ma con il punto esclamativo al posto di quello interrogativo.

         Il 15 Novembre è passato, in questi giorni  continua a piovere e quindi  non sarà possibile eseguire  i lavori necessari e non sappiamo quale sarà la nuova scadenza che ci verrà comunicata, ammesso che usino questa cortesia, non tanto per i dirigenti del Consorzio, ma almeno per i cittadini della borgata.

Il Consiglio Direttivo del Consorzio, riunito oggi,  ha discusso di questa nuova situazione che si è creata, ritenendola un  altro esempio  di quei limiti che abbiamo già denunciato nella gestione delle diverse fasi che hanno riguardato  i lavori per la realizzazione del depuratore.

Sembra a noi, pur se non esperti della materia, che se  al termine dei lavori per il ripristino dell’impianto elettrico, si fosse proceduto al  suo collaudo o a altra forma di controllo della loro regolare esecuzione questo fatto non sarebbe accaduto.

Per questo il Consiglio Direttivo ha deciso di inviare al Sindaco la richiesta di un incontro, da effettuare nei primi giorni della prossima settimana, nel quale  venire informati delle iniziative assumerà, che si ritiene dovranno essere  soprattutto di  carattere politico, per dare il segno della volontà di chiudere questa vicenda, nell’interesse dei cittadini e del prestigio dell’Amministrazione.

In relazione alla risposta che avremo su   quanto diremo al Sindaco, nel caso  ci convochi, o che porteremo all’attenzione dei cittadini, nel caso ciò non avvenga, il Consiglio Direttivo tornerà a riunirsi per decidere  le conseguenti iniziative”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login