Depuratore alla ex Yale: “Quali interessi ci sono dietro? Troppi i rischi per l’ambiente”

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 13-04-2018 ore 15:53  Aggiornato: 20-04-2018 ore 15:54

Sulla vicenda del contestato depuratore a Casalazzara interviene amareggiato il Comitato Borghi Rurali di Aprilia: i cittadini, con l’aiuto di tecnici, avevano realizzato un progetto alternativo a quello del Comune che avrebbe tutelato l’ambiente, servito almeno 3 mila persone e sarebbe intervenuto proprio arginando l’inquinamento del fosso del Voiarello già fortemente compromesso a causa dei continui scarichi. Un inquinamento certificato anche dalle analisi fatte dal Comune. Il progetto poi è stato realizzato di tutto punto prevedendo quindi la tutela dell’ambiente. Dopo i numerosi incontri, il Comitato aspettava solamente l’ennesimo incontro con l’Ato4 e Acqualatina, con il sostegno del Comune di Aprilia. Sostegno che all’improvviso è venuto a mancare.

Ascoltiamo l’intervento dei membri del Comitato Borghi Rurali di Aprilia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 975  volte

You must be logged in to post a comment Login