HomeArchivio CronacaEsplodono i fumogeni collegati all’impianto di allarme: colpo fallito in un negozio...
spot_img

Esplodono i fumogeni collegati all’impianto di allarme: colpo fallito in un negozio a Sezze. Sei banditi in fuga. Indagano i Carabinieri.

Articolo Pubblicato il :

Esplodono i fumogeni collegati all’impianto di allarme: fallisce un furto notturno pianificato da una banda in un negozio nella zona di  Sezze Scalo. Il fatto è accaduto la notte scorsa attorno alle tre. Sei banditi, nel momento in cui il sistema di allarme è entrato in funzione, si sono dati alla fuga a piede per le campagne circostanti. Sul posto la banda di malviventi ha lasciato i due mezzi con i quali avevano intenzione di caricare la merce rubata, un’auto ancora con il motore acceso ed un camioncino. Entrambi sono risultati rubati di recente a Latina. Sul posto sono accorsi i Carabinieri della Stazione di Sezze, ma la banda si era già messa in fuga. La videosorveglianza ha ripreso sei persone tutte incappucciate e con i guanti. Si punta ora ad arrivare alla loro identificazione.

Mentre tentavano di forzare la porta d’ingresso dell’attività, i malviventi sono stati, come detto, disturbati dallo scoppio dei fumogeni collegati all’impianto di allarme. All’arrivo della pattuglia dei Carabinieri, quindi, abbandonavano un’auto, trovata ancora con il motore acceso, e un camioncino sul quale, evidentemente, avrebbero dovuto caricare la merce, e si davano ad una rocambolesca fuga nei campi limitrofi.

Sul posto venivano fatte convergere altre pattuglie in servizio notturno, ma le immediate ricerche davano esito negativo. Entrambi i mezzi sono poi risultati oggetto di furto. Sono in corso le indagini volte all’identificazione dei sei ignoti malfattori”.

“Rimane alta l’attenzione dei Carabinieri sul fenomeno dei furti soprattutto durante l’orario notturno, – si legge nella nota – che lanciano un appello alla cittadinanza, quello di segnalare immediatamente al 112 NUE (numero unico europeo per le emergenze), eventuali persone o movimenti sospetti e, per coloro che sono dotati di un sistema di allarme, di collegarsi alla centrale operativa delle Forze di Polizia”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE