fbpx
HomeArchivio CronacaI Carabinieri Forestale di Latina sequestrano la cava di via Riserva Nuova...
spot_img

I Carabinieri Forestale di Latina sequestrano la cava di via Riserva Nuova ad Aprilia. I sigilli dopo un’ispezione in Comune.

Articolo Pubblicato il :

I Carabinieri del reparto Forestale di Latina sottopongono a sequestro preventivo la cava di via Riserva Nuova ad Aprilia oggetto, nei giorni scorsi, di un controllo documentale eseguito dagli uomini del N.I.P.A.A.F. negli uffici dell’assessorato all’Ambiente del Comune di Aprilia. I sigillo sono scattati su una porzione di terreno agricolo, di composizione pozzolanica, e delle dimensioni complessive di 5.896 metri quadri, oggetto di recenti lavori di estrazione, a quanto pare, abusiva. L’amministratore unico della società proprietaria dei terreni è stato denunciato alla Procura di Latina per violazione alle norme urbanistiche (Testo Unico dell’Edilizia). “L’attività di abbattimento del materiale pozzolanico – precisano gli investigatori –  avveniva in assenza delle autorizzazioni amministrative e in palese contrasto con la destinazione rurale impressa all’area dal vigente strumento urbanistico. Le Norme Tecniche di Attuazione del Comune di Aprilia classificano l’area in questione in zona agricola, dove è espressamente vietato l’apertura o la coltivazione di cave a cielo aperto”.

L’operazione è stata condotta dai militari del Nucleo Investigativo di Polizia ambientale Agroalimentare e Forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Latina.

Il sequestro – spiega la nota – si rendeva necessario, dopo aver sentito il PM di turno, il Dottor Giuseppe Miliano, in quanto l’attività di abbattimento del materiale pozzolanico avveniva in assenza delle autorizzazioni amministrative rilasciate dagli enti preposti, in palese contrasto con la destinazione rurale impressa all’area dal vigente strumento urbanistico (art. 54 legge regionale n. 38/1999) nonché con le Norme Tecniche di Attuazione del Comune di Aprilia che classificano l’area in questione in zona agricola, sottozona R2 nella quale è espressamente vietato l’apertura o la coltivazione di cave a cielo aperto”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE