I social media stanno copiando i metodi dei casinò per “creare voglie psicologiche”

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 06-05-2020 ore 15:03  Aggiornato: 13-09-2020 ore 15:01

I metodi attivano “gli stessi meccanismi cerebrali della cocaina” e portano gli utenti a sperimentare la notifica “fantasma”, avvertono gli esperti.

Stanno cercando di attirare l’attenzione degli utenti”, ha detto il Dr Mark Griffiths dell’International Gaming Research Unit, “in modo che gli utenti dei social media creino una routine e controllino regolarmente i loro schermi.

Gli esperti avvertono che le piattaforme dei social media utilizzano le stesse tecniche che le aziende di gioco utilizzano per creare dipendenza psicologica e ancorare i loro prodotti nella vita dei loro utenti.

Questi metodi sono così efficaci che possono attivare meccanismi simili alla cocaina nel cervello, creare voglie psicologiche e persino invocare “chiamate e notifiche fantasma” in cui gli utenti sentono il ronzio di uno smartphone, anche se non c’è davvero.

“Facebook, Twitter e altre aziende stanno usando metodi simili a quelli usati dall’industria del gioco per mantenere gli utenti sui loro siti”, ha detto Natasha Schüll, autrice di Addiction by Design, che ha spiegato come le slot machine e altri sistemi sono progettati per bloccare gli utenti in un ciclo di dipendenza. “Nell’economia online, il reddito è una funzione dell’attenzione continua del consumatore – misurata in clic e tempo speso.

Loops giocosi e coinvolgenti

Che si tratti di Snapchat, Facebook o CandyCrush, ha spiegato Schüll, si viene trascinati in “loop ludici” o in cicli ripetuti di incertezza, anticipazione e feedback – e le ricompense sono appena sufficienti a farti andare avanti.

“Se ti disimpegni, vieni assalito con piccoli messaggi o offerte bonus per attirare la tua attenzione e farti tornare”, ha spiegato Schüll. “Dobbiamo iniziare a riconoscere il costo del tempo trascorso sui social media. Non è solo un gioco – ci riguarda finanziariamente, fisicamente ed emotivamente.

Ricreare la slot machine

Il meccanismo di aggiornamento e scorrimento infinito dei nostri flussi di informazioni è stranamente simile a quello di una slot machine, ha detto Tristan Harris, un ex designer eticista di Google, che è stato descritto come la cosa più vicina alla coscienza della Silicon Valley.

“Si tira una leva e si riceve immediatamente o una ricompensa allettante (una partita, un premio!) o niente”, scriveva Harris.

Non possiamo sapere quando saremo ricompensati, e il più delle volte non troviamo nulla di interessante o gratificante, proprio come il gioco d’azzardo. Ma è proprio questo che ci fa tornare.

Dipendenza dai social media

La dipendenza dal telefono, dovuta all’elevato utilizzo dei social media, può farci pensare che il nostro telefono vibra quando non lo è.

“Le ricompense sono ciò che gli psicologi chiamano programmi di rinforzo variabile e sono la chiave per permettere agli utenti dei social media di controllare ripetutamente il loro schermo”, ha detto il dottor Mark Griffiths, professore di Dipendenza comportamentale e direttore dell’unità di ricerca internazionale sul gioco d’azzardo dell’Università di Nottingham Trent.

“I siti di social media sono siti di successo con ricompense imprevedibili. Cercano di catturare l’attenzione degli utenti … in modo che gli utenti dei social media creino una routine e di solito controllino i loro schermi.

Proprio come il gioco d’azzardo, che altera fisicamente la struttura del cervello e rende le persone vulnerabili offrendo, ad esempio, bonus allettanti e giri gratis, l’uso dei social media è stato e il suo potenziale di avere un impatto psicologico negativo sugli utenti non può essere trascurato o sottovalutato.

Ad esempio, la dipendenza dal telefono, dovuta all’uso massiccio dei social media, può farci pensare che il nostro telefono vibra o che abbiamo ricevuto un messaggio, anche se non è così.

“Le chiamate e le notifiche fantasma sono legate al nostro bisogno psicologico di tali segnali”, ha detto il professor Daniel Kruger, esperto di comportamento umano all’Università del Michigan. “Questi messaggi dei social media possono attivare gli stessi meccanismi cerebrali della cocaina e questo è solo un modo per identificare questi meccanismi, perché la nostra mente è un prodotto fisiologico del nostro cervello”.

“Ci sono interi reparti che cercano di progettare i loro sistemi per creare la massima dipendenza possibile. Vogliono che tu sia sempre online e, bombardandoti di messaggi e stimoli, cercano di reindirizzare la tua attenzione sulla loro applicazione o sulla loro pagina web.

Gli addetti ai lavori della tecnologia hanno già detto che “le nostre menti possono essere deviate” e che la Silicon Valley ci rende dipendenti dai nostri telefoni, mentre alcuni hanno ammesso di proibire ai loro figli l’uso dei social media.

Tuttavia, il numero di utenti attivi mensili di Facebook ha raggiunto i 2,13 miliardi all’inizio dell’anno, con un aumento del 14% rispetto all’anno scorso. Nonostante l’entusiasmo per le questioni relative alla privacy dei dati, nel primo trimestre del 2018 ha raggiunto gli 11,97 miliardi di dollari, con un aumento del 49% rispetto all’anno scorso.

Uno dei motivi principali di questo aumento è che Facebook è diventato così radicato nella nostra vita: non possiamo uscirne. 

Lo psicologo comportamentale Nir Eyal, autore di Hooked: How to Build Habit-Forming Products, ha concettualizzato il modo in cui le persone si relazionano con i social media.

“Si comincia con un grilletto, un’azione, una ricompensa, poi un investimento ed è attraverso cicli successivi, attraverso questi ganci, che si formano le abitudini. Li vediamo in tutti i tipi di prodotti, certamente nei social media e nel gioco d’azzardo. Questo è un aspetto importante di come le abitudini sono cambiate”.

Una volta che si è formata un’abitudine, qualcosa che in precedenza era stato innescato da un trigger esterno, come una notifica, una e-mail, o qualsiasi tipo di anello o ding, non è più necessario, ha notato Eyal.

Viene sostituito o integrato da un trigger interno, il che significa che si forma un’associazione mentale tra il desiderio di utilizzare questo prodotto e il tentativo di soddisfare un bisogno emotivo.

“I prodotti sono progettati per essere attraenti e ciò che è attraente per alcune persone crea chiaramente dipendenza per altre.”

Heart and a stethoscope with heartbeat (pulse) symbol in Light blue background

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login