Incendio alla Loas di Aprilia: dati Arpa allarmanti. Valori inquinanti sei volte superiori a quelli rilevati alla Eco X di Pomezia.

Cronaca  

Pubblicato 11-08-2020 ore 20:29  Aggiornato: 13-08-2020 ore 11:26

Incendio alla Loas di Aprilia: benzoapirene in un giorno 216 volte superiore al limite annuo, e policlorobifenili sei volte superiori a quelli riscontrati con l’incendio della Eco X di Pomezia nel maggio del 2017. Nella serata di ieri l’agenzia Arpa Lazio ha diffuso i primi dati sull’inquinamento dell’aria dopo l’incendio di domenica sera divampato all’azienda di trattamento rifiuti Loas Italia.

Il benzoapirene (un idrocarburo con azione cancerogena) è risultato 216 volte superiore al limite annuale previsto dalla normativa. “I valori del PCB, i policlorobifenili (degli inquinanti persistenti, dalla tossicità in alcuni casi vicini a quella della diossina) sono risultati sei volte superiori a quelli riscontrati con l’incendio della ECO X di Pomezia, nel maggio del 2017, ed oltre il doppio di quello dell’incendio del TMB dell’Ama Salaria, a Roma, nel dicembre del 2018. I dati sulle diossine – ha precisato l’Arpa – sono ancora in lavorazione”.

Ma i primi risultati diffusi ieri disegnano già un quadro allarmante sul fronte dell’inquinamento ambientale e della salute pubblica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login