La Virtus Aprilia festeggia i suoi primi 40 anni

Archivio Sport  

Pubblicato 04-12-2018 ore 18:40  Aggiornato: 11-12-2018 ore 17:14

Cuori che pulsano, occhi lucidi e tanti ricordi nella festa dei 40 anni della Virtus Aprilia svolta Domenica scorsa al Palarespighi.

In un ambiente festoso, pieno di bambini ed intrattenimenti ludici legati al mondo della pallacanestro, vecchie glorie e nuove prospettive hanno dato vita ad un pomeriggio denso di significato. Lo speaker presente sul parquet, coadiuvato dall’ ufficio stampa ed intrattenitori musicali, ha dato vita ad una serie di interventi a cui hanno partecipato grandi campioni del passato, dirigenti storici ed i presidenti che si sono succeduti sulla plancia della Virtus.

Ha inaugurato la serata il Sindaco di Aprilia, Antonio Terra, che nel suo discorso ha voluto ribadire il grande significato sportivo e sociale che la Virtus ha per tutta la comunità cittadina; il presidente in carica, Roberto Lupelli, visibilmente emozionato, ha prima ricevuto in premio una targa celebrativa donata dal presidente FIP Martini e poi quella ricevuta dal Comune, ringraziando tutti i presenti per il premio come miglior società sportiva dell’anno. Momenti di grande emozione si sono vissuti con le parole di Massimo Amabili, primo presidente dell’ABA (Associazione Basket Aprilia), Roberto Ravaioli, Fabio Triveri, che ha dedicato un pensiero allo scomparso Vito D’Andrea; coach Massimo Corradini (artefice della promozione dalla serie D alla serie C) e dei protagonisti della vittoria in Coppa Italia del 2003 (Franzè, Bucci, Fanti, e lo stesso Triveri), veri e propri esempi che hanno posto la loro testimonianza direttamente davanti ad una platea di giovani e bambini che hanno iniziato da poco ad affacciarsi al mondo del basket apriliano. La proiezione del video commemorativo ha posto in essere tutta la storia sin dagli albori, una narrazione che oltre alla squadra ha coinvolto il pubblico e la città tutta, protagonista in presente come in passato delle grandi imprese sportive della Virtus.

Particolarmente apprezzati gli auguri ed i saluti inviati previo video da Marco Sist, attuale preparatore atletico di Brindisi in serie A1 e di Diego Monaldi, stella pontina attualmente in forza a Pesaro (sempre in A1), segno tangibile della serietà del lavoro svolto dalla Virtus, recentemente divenuta anche fucina di talenti sparsi per lo stivale (come anche Giorgia Bovenzi, fresca campionessa europea U16 con la nazionale azzurra).

La Virtus Bk Aprilia continuerà nella sua mission: storie di amicizia, sacrificio, divertimento, sempre con il sorriso tra le labbra consapevoli di unire generazioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 149  volte