fbpx
HomePoliticaL’assessore all’Ambiente Marchitti replica alle accuse di Aprilia Civica: “attacchi gratuiti, ma...

L’assessore all’Ambiente Marchitti replica alle accuse di Aprilia Civica: “attacchi gratuiti, ma i numeri non mentono”.

Articolo Pubblicato il :

Il vice sindaco e assessore all’Ambiente del Comune di Aprilia, Vittorio Marchitti, replica alle accuse lanciate nelle scorse ore da Aprilia Civica sulla vicenda della direttore generale della Progetto Ambiente, Francesco Girardi, che sembra stia lasciando l’incarico dopo appena 8 mesi, e sull’affidamento in house dell’azienda. Aprilia Civica ha accusato l’amministrazione Comunale e l’assessore Marchitti di superficialità e di non avere una vera programmazione politica. “Attacchi gratuiti, – replica Marchitti – ma i numeri non mentono”. E porta ad esempio i dati confortanti raggiunti per la raccolta differenziata e la leggera diminuzione della tariffa Tari. “Particolare attenzione è stata posta anche agli errati conferimenti dei rifiuti delle utenze domestiche – ha sottolineato – e sono stati avviati controlli da parte della Progetto Ambiente e della Polizia Locale che hanno portato a sanzioni”.

La nota integrale dell’assessore Vittorio Marchitti:

“Se questo è il livello di fandonie e di demagogia, lunga vita a questa opposizione. Da oltre un anno gli scrivani di Aprilia Civica cercano un capro espiatorio, rivolgendo al sottoscritto attacchi gratuiti, spesso scomposti, vignette di dubbio gusto, teorie fantasiose, denotando uno stile puerile e pressapochista, che dimostra il livello basso al quale sono scesi. Nonostante questo ho mantenuto e continuerò a mantenere assoluta serenità, con uno stile dedito al lavoro e meno alla polemica che poco appassiona i cittadini. 

Nel merito, andiamo ai numeri che non mentono mai, rispetto alle chiacchiere dell’opposizione. 

All’insediamento ho trovato una raccolta differenziata in calo al 67% nel primo semestre ’23, che nel secondo semestre ’23 abbiamo portato a superare il 72%, e oggi il primo quadrimestre ’24 ci fornisce dati ancor più confortanti al 74%. A questo dato va aggiunto che nel saldo TARI i cittadini troveranno una tariffa in leggera diminuzione come abbiamo approvato con l’ultimo bilancio. 

Una percentuale raggiunta attraverso politiche di contrasto poste in essere a partire da Giugno ’23. Se le fototrappole rappresentano un prezioso alleato nella lotta all’abbandono selvaggio dei rifiuti in strada su cui non possiamo abbassare la guardia perché è ancora un fenomeno duro da debellare, – prosegue Vittorio Marchitti – particolare attenzione è stata posta anche agli errati conferimenti di utenze domestiche e non, una cattiva abitudine che aveva provocato una diminuzione della percentuale di raccolta differenziata e il rischio di un aumento dei costi di conferimento proporzionale all’aumento delle tonnellate di secco non riciclabile raccolto e destinato allo smaltimento.

I controlli operati dagli operatori della Progetto Ambiente e della Polizia Locale inoltre, hanno permesso di sanzionare la cattiva abitudine di esporre i rifiuti senza alcun mastello o di lasciare gli stessi per giorni e giorni sul ciglio dei marciapiedi. Questo ha consentito e sta consentendo di incrociare i dati delle effettive residenze con gli iscritti al ruolo TARI, aumentando le possibilità di individuare evasori ed elusori, dove questo fenomeno è più frequente.

 Di pari passo è stata posta in essere un’attività di sensibilizzazione con l’ausilio degli amministratori di condominio attraverso incontri mirati finalizzati alla verifica di soluzioni “interne” per l’esposizione dei mastelli. Questo, lo riscontriamo nel quotidiano, porta gli stessi cittadini-utenti a porre maggior attenzione alle modalità di conferimento dei rifiuti, con un occhio più vigile alla riduzione degli stessi.

Sul verde ho già detto che a me pare ingeneroso gettare la croce nei confronti dei lavoratori, che con risorse minime fanno i numeri di tagli che abbiamo pubblicato, altro che in ritardo. Ovvio che sarà nostro compito modificare in meglio quel contratto di servizio del verde che alcuni “soloni” conoscono bene per averlo incardinato in modo assolutamente insufficiente com’è attualmente. Infatti tramite il Settore Ambiente, in queste settimane estive, affiancheremo un ulteriore servizio di sfalci straordinari.

Chiudendo sulla proroga temporale dell’affidamento in house a Progetto Ambiente, i signori dell’opposizione mentono sapendo di mentire: il Consiglio Comunale ha dato un indirizzo chiaro, dopo l’abrogazione della norma regionale sugli EGATO, rispetto alla volontà di prolungare il servizio, ma solo dopo la discussione e l’approvazione di un nuovo piano industriale.

La superficialità sta quindi tutta nelle elucubrazioni di chi pensava di avere uno scettro “pro domo sua”, invece di proiettare una visione dell’azienda e del servizio a favore della cittadinanza che noi abbiamo chiara.

spot_img
spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE