HomePoliticaLatina - “La commissione Trasparenza non venga trasformata in pulpito elettorale”
spot_img

Latina – “La commissione Trasparenza non venga trasformata in pulpito elettorale”

Articolo Pubblicato il :

La maggioranza del sindaco Coletta commenta: “Riteniamo che gli appuntamenti della commissione trasparenza siano uno dei momenti più importanti nella vita di un’amministrazione pubblica. È necessario controllare che tutti i procedimenti amministrativi si svolgano nel pieno rispetto delle norme vigenti in materia di adozione del giusto e corretto procedimento. Crediamo, allo stesso tempo, che la commissione alla trasparenza non debba essere strumentalizzata per trasformarla in un mero strumento di propaganda politica così come ha fatto il Presidente Chiarato con una convocazione per giunta irregolare e che non rispetta il lavoro delle altre commissioni dove devono essere affrontate questioni di indirizzo. Senza parlare poi della nota stampa inviata dallo stesso Presidente che non rispetta il lavoro degli assessori e degli uffici.

Il regolamento delle commissioni consiliari prevede che il Presidente di una qualsiasi commissione convochi una seduta «informato preventivamente» l’assessore di riferimento al ramo. Questo perché è necessario concordare le azioni tra la parte esecutiva e la parte consiliare affinché l’una non complichi l’attività dell’altra, garantendo così il dialogo e il rispetto istituzionale.

Abbiamo il timore che invece si voglia utilizzare la commissione trasparenza come una sorta di tribunale dove la minoranza pensa di poter convocare assessori e dirigenti, a proprio piacimento e senza favorire loro la possibilità di intervento in remoto, trascurando quindi l’indirizzo generale di svolgere i momenti assembleari in modalità mista, per discutere di indirizzi politici e altre questioni che, con la stessa commissione, non hanno alcuna attinenza. Non quindi un organismo a garanzia dei latinensi, ma un pulpito da cui decretare sentenze politiche che con le procedure e il rispetto delle regole poco hanno a che vedere”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE