Liberare Latina dalla plastica, la lettera di Slow Food al sindaco Coletta

Altre Notizie  

Pubblicato 16-04-2019 ore 17:01  Aggiornato: 16-04-2019 ore 16:28

Lettera aperta di Slow Food al Sindaco di Latina Damiano Coletta per liberare la città dalla plastica.

“Egregio Sig.Sindaco, ci rivolgiamo a Lei, affinché anche Latina -città capoluogo della provincia Pontina- segua l’esempio dei comuni di Sperlonga, Priverno e Terracina, i quali in maniera lungimirante e responsabile, hanno scelto di anticipare l’applicazione della direttiva europea che, dal 2021, vieterà la produzione e la commercializzazione della plastica monouso, in tutti i paesi membri dell’Unione Europea.
Sig. Sindaco, raccolga la sfida “Plastic Free Challaenge”, iniziando da subito ad eliminare la plastica da tutti luoghi pubblici di competenza Comunale, non limitandosi solo ai giorni dell’assise del Consiglio Cittadino. Il Suo sarà un atto meritorio, testimonianza di una volontà attenta al rispetto e alla qualità dell’ambiente.
Le ultime stime scientifiche dicono che, continuando con questi ritmi di rifiuti di prodotti plastici,nel 2050 avremo nei mari piu plastiche che pesci! Ogni tre tonnellate di pesce, attualmente una è di plastica, invisibile ai nostri occhi, per dimensioni inferiori ai 5mm. e superiori a 0,1 micron, la plastica -oggi- ha un nome convenzionale: microplastiche. Entrate nella catena alimentare, la ingeriamo mangiando pesci, frutti di mare e altri prodotti. Slow Food Latina sta affrontando questa tematica, mettendo in atto la mozione n°6 “La plastica negli ecosistemi del pianeta: una minaccia per il nostro cibo e la nostra salute”, approvata all’ultimo Congresso Internazionale Slow Food dal 29 Settembre al 1 Ottobre 2018 tenutosi in Cina nella città di Chengdu. Sul territorio abbiamo realizzato diversi momenti di riflessione su questa tematica; il principale si è svolto il 22 Febbraio presso l’Università “La Sapienza” polo di Latina, un convegno dal titolo: “Un Mare di Plastica: ecosistema, ambiente economia e salute. Tutto è a rischio”; attivando diverse collaborazioni ed iniziative, che hanno visto la partecipazione dell’Università di “Scienze Gastronomiche di Pollenzo” con il responsabile del comitato scientifico di “Slow Fish” il Professore Silvio Greco, i sindaci della provincia e tutte le Capitanerie di Porto. Dalle parole ai fatti. Sig. Sindaco, perché Latina interpreti appieno il suo ruolo di “capitale” di questo territorio, con atti che ne preservano la tutela ambientale, per una battaglia che prima che politica è culturale per la salvaguardia dell’ambiente e infine per qualità della nostra vita.

Notizia del 13 Aprile 2019: sette tartarughe su 10 morte per la plastica, povere “Caretta Carretta”. Su 150 esemplari di tartarughe marine morte spiaggiate in italia, il 68% presentava plastica ingerita con una media di 12 pezzi (buste o oggetti) per animale. E’ quanto emerge da una prima elaborazione fatta da I.S.P.R.A (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) sui risultati del programma di monitoraggioprevisto dalla campagna #IoSonoMare

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto110 volte

Notizie Correlate

Condividi

You must be logged in to post a comment Login