Lo spazio Comel di Latina ospita la mostra “Percorsi Incrociati”

Archivio Spettacolo e Cultura  

Pubblicato 07-03-2018 ore 17:45  Aggiornato: 10-03-2018 ore 19:43

Con il mese di marzo arriva il terzo appuntamento del 2018 con l’arte allo Spazio COMEL Arte Contemporanea, che ospiterà Percorsi Incrociati: in mostra le opere di Fernando Falconi e di Michele Peri.

Due artisti dalla lunga carriera costellata di successi ed esposizioni in Italia e all’estero. Entrambi impegnati in una continua ricerca formale che li ha condotti verso traguardi originali che pur traendo spunto dall’arte e dalla letteratura, ben si radicano nella modernità e nel presente.

In esposizione dipinti e sculture dei due artisti che propongono opere realizzate con i materiali più disparati: dal cartone alla pietra, dal ferro al polistirolo, dal gesso alla juta, praticando inoltre il riuso degli oggetti, che attraverso un lavoro sul significante cambiano veste e significato, e diventato forieri di metafore forti e legate all’oggi.

La mostra sarà inaugurata sabato 10 marzo alle ore 18.00, durante il vernissage sarà presente oltre a gli artisti, Antonio Fontana, maestro orafo e curatore d’arte, che introdurrà l’esposizione.

Percorsi Incrociati sarà aperta al pubblico fino a domenica 25 marzo.

Fernando Falconi vive e lavora a Sermoneta, dove è nato nel 1940. Inizia la sua formazione come autodidatta e la perfeziona frequentando l’Accademia delle Belle Arti di Roma. La sua pittura, che si esplica prettamente nell’informale, mantiene un forte lirismo e un uso espressivo del colore.

Michele Peri vive e lavora a Rocchetta a Volturno in provincia di Isernia. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Napoli e prosegue la sua ricerca artistica indagando diversi materiali, in una riscoperta di antichi miti di fondazione e modernità, propone una scultura originale dai ricchi significati simbolici.

Orari di visita: dal martedì alla domenica dalle ore 15.30 alle ore 19.00 – Lunedì chiuso

Ingresso Libero

Info: info@spaziocomel.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto 214  volte

You must be logged in to post a comment Login