Manifesti abusivi della Lega in centro ad Aprilia, il direttivo locale prende le distanze

Politica  

Pubblicato 16-05-2019 ore 15:44  Aggiornato: 17-05-2019 ore 18:44

Manifesti abusivi della Lega in centro ad Aprilia, il direttivo locale prende le distanze e scrive una lettera al sindaco Antonio Terra.

Di seguito la lettera

“Nelle scorse ore sulle bacheche di piazza Marconi ad Aprilia sono apparsi manifesti elettorali abusivi recanti il simbolo della Lega a sostegno di candidati per la prossima tornata elettorale delle elezioni europee. La Lega Salvini Premier di Aprilia prende le distanze dall’azione illecita di chi pensa di utilizzare spazi non autorizzati, utilizzando a proprio piacimento e per il proprio tornaconto politico ora il simbolo della Lega, ora quello di Forza Italia o di altri partiti pur di cercare di restare sulla cresta dell’onda.

Il direttivo della Lega di Aprilia del resto sosterrà per le prossime europee solo due candidati del territorio, individuato nelle persone del coordinatore provinciale Matteo Adinolfi e nella candidata Anna Bonfrisco. Ogni altra scelta non corrisponde alla volontà della base locale del partito, che apertamente coglie questa occasione per disconoscere pubblicamente il comportamento scorretto di chi usa per la campagna elettorale spazi non destinati ad essa. Spazi occupati da manifesti abusivi che non sono riconducibili a volontà e operato del gruppo locale che regolarmente detiene il simbolo del partito di Matteo Salvini.

Inoltre, alla luce del frequente utilizzo scorretto delle bacheche situate tra via Marconi e via dei Lauri, per fruire delle quali sarebbe necessaria una regolare assegnazione, invitiamo come gruppo politico l’amministrazione e il sindaco a predisporre gli opportuni controlli e prendere provvedimenti nei confronti di chi deliberatamente contravviene al regolamento comunale sulle assegnazioni degli spazi.

Certi dell’attenzione che vorrà porre alla nostra richiesta, porgiamo i nostri più cordiali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto743 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login