HomeArchivio CronacaMortale sul Lungotevere della Vittoria, a Roma: una delle vittime è un...
spot_img

Mortale sul Lungotevere della Vittoria, a Roma: una delle vittime è un giovane chef di Latina.

Articolo Pubblicato il :

Alessandro Narducci

E’ un 29enne originario di Latina il giovane che la notte scorsa ha perso la vita in un incidente stradale nel centro di Roma, sul Lungotevere della Vittoria; incidente dove è morta anche una ragazza di 25 anni, di Pomezia Giulia Puleio, che si trovava sullo stesso scooter. Alessandro Narducci, chef stellato originario del capoluogo pontino ma che da tempo lavorava nel noto ristorante “Acquolina” di Roma (premiato con una stella Michelin), era alla guida di un’Honda Sh: lo scooter, per cause ancora da accertare, attorno all’una, è andato a scontrarsi con una Mercedes Classe A; la vettura, dopo il violento urto, ha poi impattato contro 3 veicoli in sosta. Alla guida della Classe A un ragazzo di 30 anni di Roma, ricoverato in codice rosso all’ospedale Gemelli; per lui sono stati richiesti gli accertamenti su assunzione droghe e alcool. Per Alessandro Narducci e Giulia Puleio, purtroppo, non c’è stato nulla da fare; i due stavano rientrando a casa dopo il lavoro. I rilievi sono stati eseguiti dalla Polizia Locale. La strada è rimasta chiusa fino alle 7 di questa mattina.

Diversi i messaggi lasciati sulla pagina Facebook dello chef Alessandro Narducci che ha avuto anche il tributo del Gambero Rosso. Il giovane era considerato una nuova promessa della cucina italiana: formatosi con grandi nomi come Heinz Beck, aveva collaborato con lo chef Angelo Troiani, suo grande sostenitore.

Il ristorante “Acquolina” di via del Vantaggio, a Roma, è in lutto: “Oggi siamo racchiusi nel dolore per la scomparsa del nostro chef Alessandro Narducci e di Giulia Puleio – si legge in un post sulla pagina Facebook – Il nostro cordoglio va alle famiglie, alla fidanzata Deborah, agli amici e a tutto lo staff. Il ristorante Acquolina e la terrazza Acquaroof saranno momentaneamente chiusi per lutto fino a nuova comunicazione. Vi ringraziamo per la vicinanza e l’affetto che state dimostrando in questo momento difficile”.

 

 

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE