Operazione “Pecunia non olet”: la Finanza arresta un 47enne di Aprilia. Saldava i conti con banconote da 100 euro false.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 09-10-2021 ore 09:27  Aggiornato: 16-10-2021 ore 09:25

Operazione “Pecunia non Olet”: la Finanza arresta un 47enne di Aprilia. Saldava i conti con banconote da 100 euro false. L’operazione è stata condotta dalle fiamme gialle della locale Tenenza. L’uomo, di origini campane – ma residente ad Aprilia – è stato messo in manette in flagranza di reato con l’accusa di spendita di denaro contraffatto. In due distinte occasioni, nella zona dei Castelli Romani,  prima in una pasticceria, poi in una gelateria – il 47enne aveva pagato il conto utilizzando banconote false del taglio di 100 euro. La Finanza ha perquisito l’abitazione ed anche l’auto dell’arrestato, rinvenendo altre 4 banconote dello stesso taglio, contraffatte; erano occultate in un sacchetto all’interno di un’intercapedine del vano motore della sua macchina. Per il 47enne è stata disposta la misura cautelare dell’obbligo di firma.

“L’attività dei militari della Tenenza di Aprilia è proseguita con perquisizioni locali sia dell’abitazione che dell’auto utilizzata dal soggetto. Tali operazioni – spiegano dal Comando Provinciale di Latina della Guardia di Finanza – hanno permesso di rinvenire e sottoporre a sequestro ulteriori 4 banconote contraffatte del taglio anch’esse di  100 euro, abilmente occultate in un sacchetto all’interno di un’intercapedine del vano motore.

 

L’uomo su disposizione della Procura di Velletri è stato quindi sottoposto a giudizio per direttissima a seguito del quale è stato convalidato l’arresto e disposta la misura cautelare dell’obbligo di firma.

 

La presente operazione, – spiega ancora la Finanza – si inserisce nel più ampio contesto di controllo economico del territorio, disposta dal Comando Provinciale di Latina per contrastare il fenomeno dell’immissione sul mercato di banconote contraffatte nel territorio pontino a tutela del regolare funzionamento del mercato e della buona fede degli operatori economici “onesti”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login