HomeArchivio Spettacolo e CulturaPer la Festa della Mamma torna l’appuntamento con l’Azalea della Ricerca di...
spot_img

Per la Festa della Mamma torna l’appuntamento con l’Azalea della Ricerca di AIRC.

Articolo Pubblicato il :

Questa domenica 13 maggio, Festa della Mamma, 20mila volontari dell’Airc, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, coloreranno 3.700 piazze italiane con l’Azalea della Ricerca , fiore simbolo della lotta contro i tumori femminili. Per trovare i banchetti dell’Azalea della Ricerca nelle città più vicine, si può consultare il sito www.airc.it o chiamare il numero speciale 840 001 001.

Ecco le piazze della nostra zona:

APRILIA (LT) – PIAZZA ROMA (CHIESA S.MICHELE ARCANGELO)

LATINA (LT) – PIAZZA PAOLO VI (DI FRONTE CHIESA SACRO CUORE)

PIAZZA DEL POPOLO

TERRACINA (LT) – PIAZZA GARIBALDI

CISTERNA (LT) – PIAZZA XIX MARZO

Un regalo speciale per tutte le mamme, una vera e propria alleata per la salute che da oltre 30 anni contribuisce a migliorare la prevenzione, la diagnosi e la cura dei tumori che colpiscono le donne. Un gesto concreto per sostenere il lavoro dei ricercatori impegnati a rendere i tumori femminili sempre più curabili. Domenica regaliamo l’Azalea della Ricerca  per dire tutti insieme “Contro il cancro, io ci sono!”

L’Azalea di AIRC, una preziosa alleata per la ricerca e per le donne

Nel 2017, in Italia, a 65.800 donne è stato diagnosticato un tumore alla mammella o agli organi riproduttivi. Il cancro al seno è il più diffuso con circa 50.000 nuovi casi: si stima che ne sia colpita 1 donna su 8 nell’arco della vita. È però la patologia per la quale, negli ultimi due decenni, la ricerca ha ottenuto i migliori risultati portando la sopravvivenza, a cinque anni dalla diagnosi, a crescere dall’81% all’87%.

Un traguardo importante ma ancora lontano dall’obiettivo del 100%. I tumori ginecologici hanno, invece, colpito nel complesso 15.800 pazienti. Per  cancro all’endometrio e cervice uterina la sopravvivenza a cinque anni ha registrato una crescita costante arrivando rispettivamente al 77% e al 68%. Diversa è la situazione per il tumore dell’ovaio dove resta ancora molto da fare.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE