HomeArchivio Altre NotizieRipristinata la fermata di Cisterna delle 21:21 del sabato sera nella tratta...
spot_img

Ripristinata la fermata di Cisterna delle 21:21 del sabato sera nella tratta ferroviaria Roma–Napoli.

Articolo Pubblicato il :

Dopo anni di richieste e disagi per il rientro dei pendolari, è stata ripristinata alla stazione ferroviaria di Cisterna la fermata delle 21:21 del sabato sera della linea Roma-Napoli. “Il servizio, soppresso da 4 anni, – fa sapere il Comune – è attivo già dallo scorso 21 maggio e va incontro alle richieste di un comitato spontaneo, promotore di una petizione”.Il Comune ha sollecitato alle Ferrovie dello Stato anche il ripristino e la fruizione della sala d’attesa della stazione, vandalizzata lo scorso 2 aprile.

“Le richieste del Comitato, – precisa l’Ente – sono state sostenute anche dall’Amministrazione Comunale presso le Ferrovie dello Stato S.p.a. e l’Assessorato alla Mobilità della Regione Lazio.

I pendolari di Cisterna, per circa quattro anni, hanno vissuto grandi disagi, sia logistici che economici, in quanto il sabato avevano a disposizione soltanto le corse in partenza da Roma termini delle 19:36 oppure delle 22:06, con un vuoto temporale di ben due ore e mezza.

I viaggiatori, molte donne e madri, erano costretti a prendere il treno regionale delle 20:56 per raggiungere alle 21:29 la stazione di Latina e sperare nella puntualità dei treni così da poter salire, soli 9 minuti dopo, sulla corsa regionale delle 21:38, e pagare un secondo biglietto. Nel caso di un ritardo con conseguente perdita della coincidenza, il rientro a Cisterna slittava alle 23:07.

«La stazione ferroviaria svolge una funzione importante per Cisterna – afferma il Sindaco, Valentino Mantini -. Molti hanno scelto di vivere in questa città proprio per il collegamento diretto con Roma, dove lavorano e tutti i giorni, festivi e prefestivi compresi, si recano e poi tornano per raggiungere la propria casa e famiglia. Sin dall’insediamento, questa amministrazione ha attivato un frequente scambio di contatti con RFI e con Ferrovie dello Stato, gettando le basi per una collaborazione che vedrà finalmente l’attivazione dell’ascensore da remoto, l’installazione della videosorveglianza comunale nel sottopasso ferroviario, la concessione d’uso della biglietteria e del locale attiguo per servizi comunali.

Con una nota abbiamo inoltre sollecitato il ripristino e la fruizione della sala d’attesa vandalizzata lo scorso 2 aprile. Per quanto riguarda il disagio dei viaggiatori del sabato sera, abbiamo sostenuto con convinzione l’istanza del comitato spontaneo e ringraziamo le Ferrovie dello Stato e l’Assessorato regionale alla Mobilità per aver ripristinato la fermata e reso un servizio importante alla nostra comunità».

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE