San Michele ad Aprilia, “Quanto ci costa e chi paga?”

Archivio Politica  

Pubblicato 04-09-2019 ore 18:12  Aggiornato: 11-09-2019 ore 18:10

E’ polemica sui costi della prossima Festa di San Michele ad Aprilia. A sollevarla il gruppo di MovAp. Secondo le stime quest’anno la Festa del Santo Patrono costerà 110 mila euro, di cui 42 mila stanziati dal Comune, gli altri soldi arrivano dalla Regione e dagli sponsor.

“SAN MICHELE …MA A QUANTO AMMONTA IL CONTO E CHI LO PAGA?'”

Nel corso della conferenza stampa di persentazione dell’edizione 2019 di San Michele di tutto si è parlato, tranne che delle somme che chi organizza sarà chiamato a sostenere per i festaggiamenti del Santo Patrono.

La Giunta nel luglio scorso con delibera aveva stabilito un budget complessivo di euro 110.000 di cui 42.000 direttamente dal Comune, mentre il resto da privati, lotterie e Regione Lazio anche se a tutt’oggi di biglietti non c’è traccia e soprattutto nessun dato sui contributi dei privati. Se per i cantanti si è deciso di stanziare euro 40.000 in conferenza stampa nessuna cifra sul compenso riconosciuto alla Bertè e agl’altri artisti che arriveranno a Piazza Roma, somma che “potrebbe” il condizionale è d’obbligo, essere sufficiente a comprire la sola Bertè.

Sul fronte culturale anche questa il programma non brilla per contenuti, visto che il tutto viene lasciato ai soli “Salotti Culturali” senza prevedere una vera programmazione di eventi in grado di coinvolgere l’intera cittadinanza su una festività centrale per l’intera comunità. Iniziative per conoscere la storia di San Michele, delle origini e dei percorsi del nostro patrono anche insieme agli istituti scolastici per consentire ai nostri ragazzi di conoscere la storia della propria città e non vivere il 29 settembre come il primo ponte scolastico da trascorrere a birre e salcicce.

Il Sindaco Terra per l’ennesima volta non ha avuto il coraggio di cambiare un programma stantio e, perché no noiso, coinvolgendo il mondo degli artisti di strada, le molte associazioni culturali apriliane, i vari gruppi musicali locali che con fatica si dedicano alla musica e tanto altro. Anche quest’anno la solità festa dove al di là della ricerca del “miglior panino” e della “migliore birra” poco resta a beneficio degli Apriliani, il tutto accompagnato dalla classica poca trasparenza su quanto “ammonta il conto” e su chi “lo paga”.

Approvando una proposta dell’opposizione il nostro Comune è diventato un ente plastic-free ed ora che i c.d. “paninari” ovvero la vera anima pulsante di San Michele riscaldano i motori sarebbe interessante sapere quali atti il Sindaco Terra ha approvato per evitare nei giorni di festa l’utilizzo di plastiche che nel passato hanno invaso in quei giorni le nostre città.

Ad oggi nessun atto, ma d’altronde all’ambiente il Sindaco Terra non ha mai dato peso, come d’altronde alla trasparenza finanziaria in occasione degli eventi nostrani, confermato dal fatto che ad oggi, nessuno sà quanto spendere per pagare cantanti ed orchestrari tralasciando tutto il resto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto6259 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login