HomeArchivio CronacaSequestrata una discarica abusiva in un’area di oltre 2500 metri quadri tra...
spot_img

Sequestrata una discarica abusiva in un’area di oltre 2500 metri quadri tra i Comuni di Monte Compatri e Frascati. Denunciato un 24enne.

Articolo Pubblicato il :

Aveva accumulato oltre 600 metri cubi di rifiuti ed avviato la costruzione abusiva di un villino con parte dei materiali sversati: la Polizia Locale di Roma Capitale ha denunciato un 24enne e sequestrato un’area di oltre 2500 metri quadri situata al confine tra i Comuni di Monte Compatri e Frascati, in zona Pantano Borghese. Diversi gli illeciti di natura edilizia e ambientale riscontrati. All’interno del terreno era stata realizzata una vera e propria discarica abusiva, con oltre 600 metri cubi di rifiuti, anche di tipo speciale e pericoloso.

Il sequestro è stato eseguito al termine delle indagini eseguite dagli agenti dell’Unità SPE (Sicurezza Pubblica Emergenziale).

All’interno del terreno, di proprietà del 24enne deferito in stato di libertà, era stata realizzata una vera e propria discarica abusiva, con oltre 600 metri cubi di rifiuti, anche di tipo speciale e pericoloso, accumulati a seguito di una costante attività di trasporto e successivo sversamento di materiali.

Oltre all’illecito di natura ambientale, come detto, gli operanti hanno potuto rilevare ulteriori irregolarità, legate alla costruzione abusiva di alcune opere con parte del materiale di risulta ricavato dai rifiuti: una fognatura, predisposta per scaricare illegalmente in un fosso, unitamente alla realizzazione, senza alcun titolo autorizzativo, delle fondamenta di un villino, il tutto su un terreno agricolo e pertanto  non idoneo alla realizzazione di edifici.

Per tale motivo, gli operanti, diretti dal Dottor Stefano Napoli, hanno posto sotto sequestro l’intera area, oltre ad una pala meccanica e altre attrezzature utilizzate per compiere le opere abusive.  Ulteriori accertamenti sono tuttora in corso per risalire ad altri presunti responsabili, coinvolti a vario titolo nella gestione illecita dei rifiuti”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE