Sicurezza dei prodotti: sequestrati dalla Finanza del Comando Provinciale di Roma oltre 9milioni di articoli.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 20-04-2019 ore 09:47  Aggiornato: 27-04-2019 ore 09:39

Sicurezza dei prodotti pasquali: sequestrati dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Roma, nella Capitale e in provincia, oltre 9milioni di articoli pericolosi, che erano pronti ad essere venduti per questa festa. Quattro soggetti, tutti di nazionalità cinese, sono stati denunciati a piede libero. Sotto sequestro sono finiti articoli elettronici (come cuffie, auricolari, lampade, casse audio, cavi di collegamento e caricatori per cellulari. Tra i prodotti più pericolosi, le “Powerbank”, batterie e caricabatterie che, per la scadente qualità, avrebbero potuto causare incendi ed esplosioni. La Finanza ha sequestrato anche addobbi dedicati alle festività pasquali, dispositivi medici, articoli da tabaccheria e giocattoli pericolosi.

“Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di contrasto ai traffici illeciti attuata nell’imminenza delle festività pasquali, i finanzieri del Gruppo Pronto Impiego di Roma hanno concluso due interventi nei confronti di imprenditori cinesi dediti all’importazione e alla commercializzazione di prodotti, anche relativi alle ricorrenze pasquali, gravemente pericolosi per la salute pubblica, compresi anche dispositivi medici.

In particolare, i “Baschi verdi”, grazie a un’attenta attività investigativa e dopo alcuni giorni di appostamenti e pedinamenti di diversi soggetti riconducibili, a vario titolo, a una società commerciale cinese, operante all’ingrosso e al dettaglio, sono riusciti a individuare un vero e proprio sito di stoccaggio di prodotti di importazione, privi dei minimi requisiti di sicurezza per la salute dei consumatori.

Partendo dall’accesso eseguito in uno dei tanti punti vendita presenti nella Capitale e gestiti dalla comunità cinese, i militari, dall’esame non semplice di documentazione rinvenuta, sono arrivati prima a un piccolo deposito e, successivamente, a un secondo capannone di rilevantissime dimensioni, occultato nella periferia sud-est di Roma, tra la Prenestina bis e il G.R.A..

La ricostruzione della filiera di stoccaggio ha consentito così di togliere dal mercato capitolino oltre 7,5 milioni di articoli elettronici, come cuffie, auricolari, lampade, casse audio, cavi di collegamento e caricatori per cellulari e molto altro.

Tra i prodotti più pericolosi “powerbank”, batterie e caricabatterie che, per la scadente qualità realizzativa, avrebbero potuto causare incendi ed esplosioni. Non sono sfuggiti ai Finanzieri anche alcuni congegni (telecomandi) volti a eludere i dispositivi di sicurezza delle moderne autovetture.

Nel corso di un secondo intervento, le Fiamme Gialle sono riuscite a individuare, sempre nella stessa zona, un vero e proprio supermercato del prodotto pasquale “insicuro”.  Infatti, è stata sottoposta a sequestro merce priva delle necessarie prescrizioni di sicurezza, con marchio CE contraffatto, informazioni solo in lingua straniera e particolarmente pericolosa per lo scadente processo produttivo, eseguito con materiali di scarsa qualità. Sono stai così cautelati circa 1,5 milioni di articoli e addobbi dedicati alle festività pasquali, nonché svariati prodotti come dispositivi medici, articoli da tabaccheria e giocattoli pericolosi che avrebbero potuto arrecare danno alla salute dei consumatori, soprattutto dei più piccoli.

La complessiva attività ha permesso di denunciare per frode all’Autorità Giudiziaria 4 soggetti di nazionalità cinese ed evitare l’immissione in commercio di oltre 9 milioni di articoli non sicuri, che avrebbero generato ricavi per circa 30 milioni di euro.

L’operazione si inserisce nella costante opera condotta dalla Guardia di Finanza a tutela dell’economia legale, dei consumatori e della sanità pubblica”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto370 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login