Stop agli insulti sui social del Comune di Aprilia, ecco le nuove regole

Altre Notizie  

Pubblicato 11-09-2019 ore 18:43  Aggiornato: 11-09-2019 ore 18:24

Lotta agli insulti, stop alle offese o agli atteggiamenti violenti tramite i Social Network del Comune di Aprilia. E’ questo, in breve, il contenuto del nuovo disciplinare approvato dalla Giunta Terra nelle scorse ore. Nel documento si fa riferimento ai canali Facebook, Instagram e Twitter del Comune che sono gestiti dall’ufficio comunicazione dell’ente per informare la cittadinanza o raccogliere segnalazioni. Sulle attività delle pagine istituzionali saranno avviati controlli più stringenti affinché ogni discussione non degeneri. I canali social hanno lo scopo, naturalmente, di favorire partecipazione e confronto, ma oggi più che mai l’esigenza è quella di moderare i toni e di guardare ai contenuti con nuovo slancio. “Il Comune di Aprilia – si legge nel disciplinare – si impegna a gestire gli spazi di comunicazione e dialogo all’interno dei propri profili nei diversi social network chiedendo ai propri interlocutori, che hanno la possibilità di partecipare attivamente attraverso forme di interazione come commenti e messaggi, il rispetto di alcune regole. Ad ognuno è richiesto di esporre la propria opinione – prosegue il documento – con correttezza e misura, basandosi per quanto possibile su dati di fatto verificabili e di rispettare le opinioni altrui. Nei social network ognuno è responsabile dei contenuti che pubblica e delle opinioni che esprime. Insulti, volgarità, offese, minacce e, più in generale, atteggiamenti violenti e discriminatori non sono tollerati – precisa l’ente di piazza Roma – commenti o messaggi che dovessero contenere contenuti di questo tipo saranno rimossi dagli amministratori”. Non sarà ammessa, inoltre, l’esposizione di casi personali e non sarà tollerata alcuna forma di pubblicità, spam o promozione di interessi privati o di attività illegali. “Il Comune di Aprilia – infine – si riserverà di bloccare gli utenti che violeranno le regole del disciplinare”. Potrebbe essere questo, in sostanza, un modo per mutare il clima di odio alimentato in questi ultimi mesi sulle piattaforme social.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto632 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login