Terremoto nel Reatino, si scava tra le macerie. Volontari partiti anche da Aprilia.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 24-08-2016 ore 09:13  Aggiornato: 31-08-2016 ore 09:05

TerremotoReatinoMappa_foto600PixelLa terra ha tremato la notte scorsa nel centro-nord Italia: una prima forte scossa di terremoto di 6.0 di magnitudo è stata avvertita attorno alle 3:36, con epicentro a 4 km di profondità nel comune di Accumoli, sui monti reatini, nell’alto Lazio. Il terremoto è stato avvertito in tutto il centronord e centrosud d’Italia: la terra ha tremato da Rimini a Napoli e anche in tutta la provincia di Latina e Roma. La scossa è stata avvertita chiaramente e per oltre 10 secondi da tutti gli abitanti e la notizia, nel cuore della notte, si è diffusa rapidamente sui social. Dopo il terremoto di magnitudo 6.0, sono state registrate numerose repliche e sono 39 gli eventi sismici localizzati di magnitudo pari o maggiore di 3.0. I più forti sono avvenuti nella zona di Norcia, in provincia di Perugia, con magnitudo 5.1 e 5.4, rispettivamente alle 4:32 e alle 4:33.

Nella foto, la mappa dei terremoti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) localizzati fino ad ora (ore 7.00).

Il cerchio rosso più grande al centro della figura è il terremoto dii magnitudo 6.0. In alto, i due cerchi grandi rossi sono gli eventi di magnitudo 5.1 e 5.4.

Link al Blog INGVterremoti:

https://ingvterremoti.wordpress.com/2016/08/24/sequenza-sismica-tra-le-province-di-rieti-perugia-ascoli-piceno-laquila-e-teramo-aggiornamento-e-approfondimento/

 Tra i comuni più colpiti dal terremoto della scorsa notte (tra le province di Rieti, Perugia, Ascoli Piceno, L’Aquila e Teramo) oltre ad Accumoli dove si è registrato l’epicentro, ci sono i paesi di Arquata e Pescara del Tronto e la nota località di Amatrice, completamente rase al suolo: ci sono corpi ancora sotto le macerie, strade isolate e niente corrente elettrica. Il bilancio delle vittime è in continua evoluzione: si scava ancora in cerca dei dispersi. Tra le persone tratte in salvo, anche due bambini.

Ad Amatrice, oltre ai mezzi della Protezione civile, il 118 ha attivato già nel corso della notte 3 elicotteri dedicati e sei mezzi di soccorso su gomma a supporto di quelli già al lavoro. La Regione Lazio ha fatto partire immediatamente le colonne mobili per allestire due punti medici avanzati ad Amatrice.

Una squadra tecnica di volontari di protezione civile, formata da sei persone, stanotte è partita anche da Aprilia: si tratta dei volontari dell’Alfa, partiti assieme al presidente Roberto Cotterli. Nelle prossime ore una seconda squadra apriliana partirà sempre alla volta di Amatrice con ruspe, tende e cucina, per dare assistenza agli sfollati.  Partita nelle scorse ore anche la colonna mobile dell’associazione Cb Rondine, sempre di Aprilia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login