Violenza sulle donne: la Polizia esegue a Fondi una misura cautelare del divieto di avvicinamento.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 21-07-2021 ore 09:19  Aggiornato: 28-07-2021 ore 09:01

gli agenti del Commissariato di Polizia di Fondi

Violenza sulle donne: la Polizia esegue a Fondi una misura cautelare del divieto di avvicinamento a carica di un 50enne, resosi responsabile di atti persecutori e maltrattamenti in famiglia, ai danni dell’ex moglie. L’uomo, dal quale la donna si era separata da anni, passava sistematicamente il tempo, giorno e notte, in auto sotto la sua abitazione o sul posto di lavoro. Lo scorso 10 luglio l’epilogo: la donna, appena rientrata da Roma in treno in compagnia dell’attuale convivente, è stata aggredita e minacciata di morte dal 50enne,  armato di un bastone.

“La Polizia di Stato, con il coordinamento del Procuratore Aggiunto Dr. Lasperanza e del Sost. Proc. Dr. D’Angeli, prosegue nelle attività di tutela delle fasce deboli.

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato di Fondi hanno dato esecuzione alla misura cautelare del Divieto di avvicinamento emesso dal G.I.P. presso il Tribunale di Latina Dott.ssa Castriota a carico di un 50enne del luogo, resosi responsabile di atti persecutori e maltrattamenti in famiglia ai danni dell’ex moglie.

La donna si è presentata in Commissariato la scorsa settimana, per sporgere denuncia dopo anni di vessazioni e di comportamenti persecutori posti in essere dall’ex marito.

L’uomo, dal quale è separata da anni, passava sistematicamente, giorno e notte, in auto sotto la sua abitazione o sul posto di lavoro, facendosi anche trovare spesso nei luoghi abitualmente frequentati dalla ex moglie.

L’epilogo lo scorso 10 luglio quando la donna, appena rientrata da Roma in treno in compagnia dell’attuale convivente, veniva aggredita dall’ex marito armato di un bastone che le urlava: ‘ti ammazzerò’.

La denuncia presentata e le attività investigative dei poliziotti del Commissariato, coordinati dalla Procura della Repubblica di Latina, hanno portato alla misura cautelare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login