L’attentatore di Marsiglia per anni aveva vissuto ad Aprilia, in casa dei suoceri.

Archivio Cronaca  

Pubblicato 02-10-2017 ore 20:29  Aggiornato: 09-10-2017 ore 20:23

Sposato con un’italiana, aveva vissuto per un periodo ad Aprilia Ahmed Hanachi, l’uomo che domenica scorsa ha accoltellato a morte due ragazze alla stazione Saint-Charles di Marsiglia. Nel maggio scorso Ahmed Hanachi era  stato cancellato dall’anagrafe comunale per mancata dichiarazione del rinnovo di permesso di soggiorno, ma in realtà l’uomo – che nel frattempo aveva divorziato – già da molto tempo non viveva più in Italia. Sposato con un’italiana, l’attentatore di Marsiglia aveva vissuto per un periodo a casa dei suoceri, in via Guido Rossa, tra il 2010 ed i 2014, e si arrangiava facendo dei lavori saltuari in agricoltura. I due poi si sono lasciati e l’uomo ha abbandonato l’Italia. Anche la ragazza al momento risulta essersi trasferita in Tunisia. Nella giornata di ieri i Carabinieri del Ros di Roma hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione dei suoceri, ma senza trovare nulla di rilevante. “Non abbiamo contatti con lui da anni” – hanno detto i suoceri al capannello di giornalisti che questa mattina si è formato davanti la loro abitazione nel quartiere Agroverde. Altri residenti si sono mostrati molto infastiditi dalla massiccia presenza di giornalisti.

Aprilia torna così, prepotentemente, al centro di indagini contro il terrorismo, anche Anis Amri, il tunisino autore dell’attentato avvenuto in un mercatino di Natale a Berlino, ucciso poi a Milano, stazionò per alcuni mesi in città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login