fbpx
HomeArchivio Altre NotizieAprilia, da fine novembre alla Asl sarà attiva la Centrale Operativa Territoriale

Aprilia, da fine novembre alla Asl sarà attiva la Centrale Operativa Territoriale

Articolo Pubblicato il :

Sono iniziati i lavori presso la Casa della Salute di Aprilia per far entrare in funzione la Cot, la Centrale Operativa Territoriale. Una novità annunciata dal neo direttore generale, il dottor Vincenzo Lucarini che attualmente ricopre l’incarico ad interim (dopo che il dottor Rossi è andato in pensione), dividendosi anche con il distretto Latina 3, quello dei Monti Lepini. L’attività della Cot è resa possibile grazie ai fondi del Pnrr e al supporto della Regione Lazio. Si tratta di  un nuovo modello di  gestione dell’assistenza del territorio perché rappresenta l’impegno dell’Azienda sanitaria nella presa in carico della persona e di raccordo tra servizi e professionisti coinvolti nei diversi contesti – attività territoriali, sanitarie e sociosanitarie, ospedaliere. Il modello implementato nell’ASL di Latina, in particolare presso il Poliambulatorio di via Giustiniano ad Aprilia, ha previsto un processo strutturato in grado di individuare precocemente le fragilità sociali e sanitarie dei pazienti ricoverati proprio “per intervenire in maniera anticipata – spiega la Asl – per la gestione della dimissione qualora quest’ultima possa ritenersi difficile in termini di ricollocamento del paziente a domicilio. L’obiettivo è quello di individuare il setting territoriale appropriato per pazienti fragili, quelli complessi e naturalmente i cronici e non autosufficienti anche attivando reti familiari, sociali e del terzo settore ed evitando un allungamento dei tempi di ricovero”. Il personale della COT è multiprofessionale e composto da Infermieri, personale amministrativo, personale medico in consulenza e Assistenti Sociali. Sono stati tutti appositamente formati per questa nuova iniziativa.  Ad Aprilia – dal 30 novembre prossimo – saranno al lavoro due operatori che cercheranno di coprire il servizio h24.  Per questo verrà adeguata l’area di fronte al Cup, presso l’ala a destra della struttura cittadina. Lo scopo è proprio quello di non lasciare solo il paziente, soprattutto quelli in difficoltà, non lasciando “buchi” nella presa in carico e assicurando a tutti un’adeguata assistenza, soprattutto nel post ricovero. Sarà cura dell’operatore mantenere contatti anche con strutture assistenziali come gli Hospice, le RSA o le riabilitazioni. Oltre ad Aprilia, a breve sarà avviata anche a Terracina, nel distretto 3 dei Monti Lepini e nel distretto 5 a Formia e Gaeta. La Cot potrà essere attivata solo tramite i medici di famiglia, i pediatri, i medici specialisti ospedalieri e ambulatoriali, ma anche ambulatori, dipartimenti aziendali e ospedali.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI
spot_img
spot_img

NOTIZIE PIù LETTE