fbpx
HomeAltre NotizieAprilia, Rida Ambiente si rivolge al Tribunale civile: richiesta di risarcimento a...
spot_img

Aprilia, Rida Ambiente si rivolge al Tribunale civile: richiesta di risarcimento a Comune e sindaco per oltre 40milioni di euro. Terra: ”Non siamo preoccupati, ci paghi i benefit“

Articolo Pubblicato il :

Il 28 settembre 2022 Fabio Altissimi, facendosi portavoce delle imprese del suo gruppo, con un atto di citazione depositato presso il Tribunale di Latina (e una richiesta di risarcimento del danno),  contro il Comune e il sindaco di Aprilia Antonio Terra. Sostiene di aver subito dei danni per il continuo diniego ai vari progetti presentati all’ente, tra cui la richiesta di bonifica del terreno di via Savuto e la conseguente realizzazione di un impianto di stoccaggio di rifiuti. 

Secondo il patron di Rida si tratterebbe di un danno di 40 milioni di euro “come la somma – dice – che il Sindaco Terra avrebbe potuto far risparmiare al bilancio comunale (e quindi alla cittadinanza) e che, invece, da possibile risparmio si trasformeranno in un potenziale onere per l’Amministrazione e per i contribuenti. Sì, perché – aggiunge – tante sono le risorse che la Paguro avrebbe messo a disposizione (dimostrandone la disponibilità) per bonificare l’area detta la “Cogna”, che il Comune non è stato capace di bonificare da quasi cinquant’anni, perdendo anche i precedenti stanziamenti regionali: 35 milioni di euro per la bonifica, più altri 5 milioni per realizzare un pozzo di acqua potabile e la sistemazione di Via Savuto (asfalto, marciapiedi, caditoie, e illuminazione). A questo si sarebbe aggiunto un risparmio sulla Tari per almeno tre anni grazie ad una tariffa fissa di trattamento dei rifiuti che la società era disponibile a concordare con il Sindaco”. 

La risposta del sindaco Antonio Terra è secca e chiara: “Si tratta dell’ennesimo esposto su questa vicenda e non solo. Altissimi si è rivolto al Tribunale Civile con questa richiesta in giudizio. Non siamo preoccupati – precisa il primo cittadino – abbiamo sempre operato con chiarezza e per il solo bene della città. Non lavoriamo per ostacolare gli imprenditori del territorio. I fatti lo dimostrano. C’è una lunga serie di esposti fatti da Altissimi, ce ne sono anche contro ex assessori e dirigenti, contro l’Arpa. Non siamo stupiti. Ricordo anche che certe decisioni, come sul sito di via Savuto – conclude Terra – sono state prese anche con altri enti, come la Regione. Dunque non è esclusiva responsabilità del Comune di Aprilia. Da Altissimi noi invece aspettiamo benefit per 10milioni di euro, questo è il vero danno”. L’udienza è prevista per il 9 febbraio 2023.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE