fbpx
HomeArchivio CronacaColpi di carabina a casaccio contro le persone: fermati in 4, almeno...
spot_img

Colpi di carabina a casaccio contro le persone: fermati in 4, almeno 7 i feriti

Articolo Pubblicato il :

Nella notte del 7 settembre 2023 sono giunte alla Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Terracina diverse telefonate che hanno segnalato in vari punti della città di Terracina, la presenza di una vettura i cui occupanti hanno esploso dei colpi con una carabina ad aria compressa nei confronti di ignari passanti e di giovani presenti in alcuni luoghi di aggregazione, ferendone alcuni anche con importanti lesioni. Un’autoradio in circuito dell’Aliquota Radiomobile si è posta alla ricerca degli autori, fino a quando, dopo circa un’ora, dopo un’ennesima segnalazione di colpi di arma in San Felice Circeo, gli operanti sono riusciti ad intercettare il  veicolo da ricercare bloccandola in via Tittoni di quel Comune, con a bordo cinque persone, di cui una è riuscita a guadagnarsi la  fuga. Il controllo e la conseguente perquisizione, ha permesso di procedere al rinvenimento ed al successivo sequestro della carabina ad aria compressa, di un coltello multiuso, di diversi proiettili in metallo e di due grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina. I militari operanti hanno ricostruito la sequela della scorribanda, individuando ben sette malcapitati, tra cui una guardia giurata mentre era in servizio; tutti hanno riportato lesioni tra i 7 e 10 giorni; per la maggior parte di loro, i colpi sono stati sparati ad altezza uomo (spalle, collo, orecchie). La gravità dei fatti ha imposto un provvedimento di arresto di due maggiorenni, di cui uno già noto alle Forze dell’Ordine, mentre altri due minori, di cui uno noto alle FF.OO., sono stati deferiti a piede libero. Fermo restando il principio di innocenza di cui all’art. 115 bis cpp, nei confronti di tutti i giovani si procede per i reati di “Violenza e lesioni aggravate ad incaricato di un pubblico servizio” e “Lesioni aggravate da motivi abietti e futili mediante l’utilizzo di armi”. I due arrestati, su disposizione della Procura di Latina, con cui i militari si sono rapportati in stretta sintonia, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo previsto per il giorno 09.09.2023.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI
spot_img
spot_img

NOTIZIE PIù LETTE