Concluso il corso Fai Cisl, in omaggio le opere dello scultore Colagrossi

Archivio Altre Notizie  

Pubblicato 08-04-2019 ore 11:00  Aggiornato: 15-04-2019 ore 10:32

Si è svolta al CNEL, dopo due giorni di discussione delle tesine, l’incontro conclusivo del secondo corso nazionale lungo per giovani dirigenti Fai Cisl. Durante l’evento, prima della consegna dei diplomi, sono intervenuti Vincenzo Conso, Presidente della Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche, il Prof. Aldo Carera, il Segretario generale Onofrio Rota, mentre i tutor del corso hanno svolto alcune letture tratte da volumi di Giulio Pastore. In seguito sono giunti i saluti del Presidente del CNEL Tiziano Treu, che si è complimentato per l’impegno della federazione agroalimentare industriale e ambientale della Cisl nell’investire sulla formazione e sulla conoscenza. In conclusione della giornata, in presenza anche di segretari nazionali e regionali della Fai Cisl, sono state consegnate, ai corsisti, ai tutor e al Presidente Treu, alcune opere dello scultore Ignazio Colagrossi.

Il corso si è svolto nel Centro Studi Cisl di Firenze ed ha avuto inizio nel gennaio 2018, con un modulo introduttivo dedicato, in particolare, a rappresentanza e contrattazione. Tanti i temi affrontati dai 23 corsisti per il loro elaborato finale: dalla forestazione come presidio del territorio e prevenzione del dissesto idrogeologico al welfare contrattuale, dal benessere aziendale in diverse importanti realtà dell’industria alimentare alla contrattazione nel settore della pesca, dalla valorizzazione del lavoro della bonifica al contrasto al caporalato in agricoltura.

“Quella di oggi è una giornata che ci riempie di orgoglio, che ci ricorda che il nostro è molto più di un semplice mestiere”, ha detto il Segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota: “Con la formazione, facciamo cultura e costruiamo una comunità di valori, persone con coraggio, competenza, consapevolezza. Avviamo un percorso che deve rivolgersi sempre al bene comune, alla realizzazione della persona, alla dignità del lavoro, in particolare per i comparti che seguiamo, che rappresentano una parte fondamentale del Made in Italy”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login