fbpx
HomeCronacaDanni da vaccino anti-Covid. Un medico di 47 anni chiede l’indennizzo ed...
spot_img

Danni da vaccino anti-Covid. Un medico di 47 anni chiede l’indennizzo ed i danni di risarcimento alla Asl di Latina.

Articolo Pubblicato il :

Danni da vaccino anti-Covid. Una donna medico di 47 anni chiede ’indennizzo ed i danni di risarcimento alla Asl di Latina. La vicenda – resa nota dal suo difensore, l’avvocato Renato Mattarelli – ripropone le problematiche della obbligatorietà per il personale sanitario del vaccino e la recente reintegrazione dei medici sospesi per aver rifiutato la vaccinazione. La 47enne, dipendente della Asl pontina, si sottopose a vaccino anti-Covid sars 2 nel gennaio 2021. Due giorni dopo scoprì di avere essere stato “gravemente danneggiata da infezione di pericardite recidivante”. “Ad oggi – secondo quanto riferisce lo studio legale – l’assistita ha altre complicanze, tra cui un’insufficienza mitralica, con un versamento pericardico. “Una vita ed una carriera professionale interrotta” per la 47enne “che si è sottoposta e sottomessa all’obbligo vaccinale”. Da qui la domanda di indennizzo alla Asl e la richiesta di risarcimento dei danni.

 per il personale sanitari al fine proteggere gli altri sanitari e i pazienti con cui sarebbe entrato in contatto. Il medico però non è riuscito a proteggere se stesso e a sua volta è diventato uno dei tanti pazienti a cui ha dedicato la vita”.

“Tramite l’avvocato Renato Mattarelli – si legge nella nota – il medico ha presentato alla Asl di Latina una prima domanda, dell’indennizzo previsto dalla legge n. 210/1992 in favore dei soggetti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie, a cui seguirà la causa di risarcimento integrale dei danni.

L’indennizzo, infatti, è un primo emolumento di natura assistenziale simile ad una pensione di circa 850/950 euro mensili; mentre il risarcimento consiste in un più ampio ed unico emolumento contenente tutte le voci di danno che, nel caso del medico pontino danneggiato, consiste nel danno alla salute anche psichica (vista la reazione depressiva all’evento), morale da coazione psicologia alla obbligatorietà del vaccino e patrimoniale da perdita di chances di carriera e spese.

Vista la novità della materia (danni da vaccino) sarà da identificare il soggetto o i soggetti danneggianti da ricercare fra il Ministero della Salute, Aifa, Produttore del vaccino (Pfizer-Biontech), il distributore e non ultima l’Asl di Latina che non ha prevenuto e protetto il proprio medico dipendente dagli effetti avversi del vaccino.

La relazione causale è pressoché documenta da una serie di certificati rilasciati a distanza di tempo e da strutture sanitarie diverse afferenti all’Asl di Latina. Come dire una sorta di confessione!

Ad ogni modo a prescindere dalla specifica documentazione sanitaria a sostegno del probabile nesso di causa (vaccino-danni) del medico, – conclude la nota – la letteratura scientifica sta descrivendo ed illustrando come pericardite (infiammazione della membrana che contiene e protegge il cuore) sia di probabile eziologia vaccinale (anti-Covid Sars-2)”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE