fbpx
HomeCronacaDuplice omicidio di Cisterna. Nuovi elementi dall’analisi della Scientifica: “Renèe poteva salvarsi,...
spot_img

Duplice omicidio di Cisterna. Nuovi elementi dall’analisi della Scientifica: “Renèe poteva salvarsi, Sodano ha infierito”.

Articolo Pubblicato il :

Renèe Amato poteva salvarsi, ma Christian Sodano le ha dato il colpo di grazia, al contrario di quanto sostenuto da quest’ultimo agli inquirenti, ai quali aveva dichiarato invece di aver premuto nuovamente il grilletto per “non farla soffrire”.

È il nuovo elemento che emerge dal fascicolo redatto dalla polizia scientifica sul duplice femminicidio di Cisterna. La ragazza sarebbe stata prima raggiunta da due proiettili, al collo e alla caviglia; Sodano avrebbe poi sparato altre due colpi diretti al volto.

La prima ad essere stata uccisa con 3 colpi, invece, è stata la 46enne Nicoletta Zomparelli, madre di Desyrèe, la fidanzata del 27enne che aveva intenzione di chiudere la loro relazione. La 46enne avrebbe cercato inutilmente di difendersi, mettendo una mano davanti alla pistola. E’ stata, invece, colpita in pieno volto.

Sarebbero stati 7 in tutto i proiettili esplosi dalla pistola d’ordinanza di Christian Sodano andati a segno. Il giovane finanziere, attualmente recluso nella sezione militare del carcere di Roma Rebibbia, nei prossimi giorni dovrebbe essere nuovamente interrogato.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI
spot_img
spot_img

NOTIZIE PIù LETTE