fbpx
HomeCronacaGravissimo incidente ai Pratoni del Vivaro, a Rocca di Papa: deceduto un...
spot_img

Gravissimo incidente ai Pratoni del Vivaro, a Rocca di Papa: deceduto un motociclista. Coinvolti un mezzo di Polizia Penitenziaria e un’ambulanza

Articolo Pubblicato il :

Gravissimo incidente oggi pomeriggio nei pressi dei Pratoni del Vivaro, nel Comune di Rocca di Papa; coinvolti un mezzo della Polizia Penitenziaria di Velletri con a bordo quattro agenti, un’Ambulanza ed una moto.
Dalle informazioni ricevute sembrerebbe che il mezzo della Polizia Penitenziaria di Velletri mentre rientrava in sede dopo avere effettuato una traduzione di un detenuto “facinoroso” presso altro Carcere si è visto tamponare con violenza da una Ambulanza che marciava sulla stessa corsia ad elevata velocità che a sua volta e sullo stesso percorso coinvolgeva anche un giovane motociclista.

Purtroppo, è stato proprio quest’ultimo a perdere la vita. Soccorso da un’eliambulanza, per contusioni e ferite gravi su tutto il corpo, il giovane è deceduto poco dopo.

L’ambulanza durante l’urto con il mezzo della Polizia Penitenziaria di Velletri si ribaltava su se stesso; fortunatamente non c’era nessun paziente a bordo. Il Personale dell’Ambulanza ed i quattro agenti di Polizia Penitenziaria, per fortuna, hanno riportato solo ferite multiple e contusioni varie su tutto il corpo, per loro nessun pericolo di vita.

A dare notizia dell’incidente è stato il Sindacalista del Si.P.Pe. (Sindacato Polizia Penitenziaria) Carmine Olanda che da sempre denuncia le difficili condizioni di lavoro degli Agenti di Polizia Penitenziaria.

“L’Amministrazione Penitenziaria – commenta – deve capire che il problema dei detenuti facinorosi o dei detenuti che manifestano di avere problemi di natura psichiatria, non si risolvano trasferendoli da un carcere ad un’altro ma va risolto con una tipologia di gestione studiata ad hoc per questo tipo di casi particolari.

Non possiamo più accettare – prosegue Carmine Olanda – che avvenga questo ‘turismo dei detenuti’ su strada da un carcere all’altro, come non possiamo più accettare di rischiare la vita su strada mettendo in atto questa tipologia di gestione”.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI
spot_img
spot_img

NOTIZIE PIù LETTE