fbpx
HomeArchivio PoliticaLa proposta della lista civica Ama Aprilia: “Un parco archeologico per la...
spot_img

La proposta della lista civica Ama Aprilia: “Un parco archeologico per la periferia della Città.

Articolo Pubblicato il :

“Creare un parco archeologico nei luoghi di interesse storico-culturale disseminati nelle splendide campagne che compongono la periferia di Aprilia”. Questa la proposta avanzata in questa campagna elettorale dalla lista civica Ama (Alternativa Moderata Apriliana; lista che fa parte della coalizione di centrodestra che sostiene l’elezione alle prossime amministrative di maggio del candidato sindaco Lanfranco Principi.

“Solo riconoscendo e valorizzando la sua storia, un territorio può pianificare un percorso di crescita e sviluppo. Un percorso – si legge nella nota – che può essere avviato attraverso la creazione di un parco archeologico nei luoghi di interesse storico-culturale disseminati nelle splendide campagne che compongono la periferia apriliana.

Questo è uno degli obiettivi che la lista civica Alternativa Moderata Apriliana persegue con maggior vigore, un punto condiviso con la coalizione di centrodestra e con il candidato sindaco Lanfranco Principi. Purtroppo la valorizzazione culturale non è stata al centro dell’azione amministrativa negli ultimi anni, per colpa di logiche appartenenti a un modo di fare politica poco lungimirante secondo le quali “con la cultura non si mangia”.

Una seria programmazione in questo settore nevralgico, può creare indotto e fare rete anche con le attività commerciali e con l’imprenditoria del territorio.

La storia di Aprilia, della nostra città, non inizia come molti ancora oggi credono nel 1936. Sul nostro territorio sono stati frequenti i ritrovamenti di reperti risalenti alla preistoria, dal paleolitico al neolitico, quali selci lavorate, parti di scheletri di pachidermi, opere idrauliche risalenti ai Volsci, tombe etrusche e addirittura ville romane di epoca repubblicana. Una storia antica che si intreccia con quella contemporanea, dove i residuati bellici che ancora si ritrovano nelle nostre campagne restano a testimoniare il passaggio della seconda guerra mondiale anche ad Aprilia. Aprilia, da Torrebruna a Vallelata, da Campoleone a La Gogna, fece parte dell’Agro Romano.

In questa splendida cornice naturale e ricca di storia, chi amministra deve assurgere al ruolo di difensore di ciò che ancora non è stato depredato o distrutto. Per questo una delle nostre priorità riguarderà la creazione di un parco archeologico e ambientale: all’interno del suo perimetro, lavorando in simbiosi con la Soprintendenza delle Belle Arti, bisognerà promuovere la conoscenza dei reperti da custodire all’interno di un museo cittadino, una battaglia che la nostra lista persegue da tempo. Oltre ad essere uno strumento di tutela e valorizzazione, il Parco Archeologico può rappresentare il volano per l’economia, attraverso lo sviluppo di strutture ricettive e turistiche, attività commerciali e attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro.

Creando queste condizioni, polarizzando l’attenzione sulle nostre periferie, su quanto di bello custodisce la nostra città, davvero è possibile pensare allo sviluppo di una rete di collegamento che favorisca la mobilità alternativa. Una pista ciclopedonale così concepita, rappresenterebbe un valore aggiunto e non risulterebbe solo un posticcio calato in un contesto urbano non adatto ad accogliere quella tipologia di opera. Perchè è il caso di dirlo a gran voce: non siamo contro le piste ciclabili, solo contro le opere fatte male, che finiscono per peggiorare la qualità della vita dei cittadini”.

spot_img
spot_img
spot_img
ARTICOLI CORRELATI

NOTIZIE PIù LETTE