fbpx
HomeArchivio CronacaTraffico di rifiuti intorno alla cava di Via Corta, ad Aprilia: arriva...
spot_img

Traffico di rifiuti intorno alla cava di Via Corta, ad Aprilia: arriva la condanna definitiva, Antonino Piattella condotto in carcere.

Articolo Pubblicato il :

La cava di via Corta

Traffico di rifiuti intorno alla cava di Via Corta, ad Aprilia: arriva la sentenza definitiva di condanna per l’imprenditore apriliano Antonino Piattella, di 56 anni, arrestato ieri dagli agenti del Commissariato di Polizia di Cisterna e condotto in carcere a Latina. Dovrà scontare una pena di 4 anni, 4 mesi e 9 giorni di reclusione.

Piattella era gravato da un provvedimento definitivo di pene emesso dall’Ufficio Esecuzioni della Procura di Roma per una serie di reati: abuso edilizio, ricettazione, lottizzazione abusiva, estorsione e violazione della normativa in materia di rifiuti. L’imprenditore apriliano era già finito in manette nel 2017, a seguito di una complessa attività investigativa eseguita dalla Polizia Stradale di Aprilia e dagli uomini della Squadra Mobile di Latina, che portò alla luce un traffico illecito di rifiuti alla cava di via Corta.

Il 56enne, ieri, è stato rintracciato dagli investigatori del Commissariato di Cisterna nel comune di Aprilia, dove ha ricevuto formale notifica del provvedimento in argomento, con il quale è stato ordinato il suo immediata arresto ed il successivo trasferimento presso il più vicino istituto di detenzione dove dovrà espiare quattro anni, quattro mesi e nove giorni di reclusione. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Latina.

spot_img
spot_img
ARTICOLI CORRELATI
spot_img
spot_img

NOTIZIE PIù LETTE