fbpx
HomeArchivio Altre NotizieAsl Roma 6, un convegno sulle nuove frontiere diagnostiche nell'otorinolaringoiatria per il...

Asl Roma 6, un convegno sulle nuove frontiere diagnostiche nell’otorinolaringoiatria per il Riuniti di Anzio

Articolo Pubblicato il :

Nel panorama della sanità, il ruolo degli otorinolaringoiatri (ORL) è sempre più cruciale. La continua ricerca e l’evoluzione delle tecnologie diagnostiche e terapeutiche rendono necessario un costante aggiornamento da parte dei professionisti del settore.

A tal fine, la ASL Roma 6, Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno, hanno promosso un importante convegno focalizzato sulle nuove frontiere diagnostiche e terapeutiche nell’otorinolaringoiatria.

Presenti moltissimi medici di base del distretto H4, H3, Latina, Cisterna, Cori e Ardea, specialisti ORL ambulatoriali, pediatri di base e operatori sanitari.

Ha partecipato il Direttore Sanitario della Asl Roma 6 dottor Vincenzo Carlo La Regina, il direttore sanitario dell’Ospedale di Anzio dott. Ciriaco Consolante insieme ad altri rappresentanti del distretto H4 e i commissari prefettizi di Anzio e di Nettuno

Si è evidenziato il trend in aumento di numerosi interventi di chirurgia oncologica del distretto cervico-cefalico e delle ghiandole salivari che si effettuano presso la unità operativa complessa di ORL dell’Ospedale di Anzio e le varie attività ambulatoriali che il reparto gestisce. Una attività diventata un punto di riferimento nel territorio.

Il convegno, che ha visto come relatori e promotori il dottor Riccardo Lombardi, il dottor Mauro Carconi, la dottoressa Jaqueline Crupi e il dottor Ettore Scaini, ha visto la partecipazione di esperti del settore che hanno condiviso le loro esperienze e conoscenze in merito agli ultimi sviluppi nel campo.

Le nuove frontiere diagnostiche e terapeutiche presentate durante l’evento promettono di rivoluzionare il modo in cui vengono affrontate le patologie ORL, migliorando la qualità della vita dei pazienti e aprendo nuove prospettive nel campo della medicina.

L’evento ha rappresentato quindi un’opportunità per medici, ricercatori e professionisti sanitari di confrontarsi e aggiornarsi sulle innovazioni terapeutiche più recenti.

Uno dei temi centrali trattati durante il convegno è stato il ruolo cruciale per l’ASL Roma 6 giocato dalla UOC ORL dell’Ospedale di Anzio nel trattamento delle patologie oncologiche cervico-facciali e delle ghiandole salivari maggiori, unità operativa che si pone come riferimento in materia anche per l’utenza delle ASL limitrofe.

Analogamente è stato posto l’accento sull’esperienza dell’equipe nel trattamento delle rinosinusopatie sia dal punto di vista chirurgico endoscopico che dal punto di vista medico, potendo contare su numeri e risultati eccellenti legati all’utilizzo dei farmaci biologici di recente approvazione per la poliposi nasale.

Le nuove frontiere nella protesizzazione acustica e nella diagnosi e terapia dei disturbi vertiginosi hanno poi evidenziato la centralità del paziente nell’integrazione tra i servizi ospedalieri e il territorio, al pari del servizio ambulatoriale per la diagnosi endoscopica e il trattamento dei disturbi della deglutizione.

Ampio spazio è stato inoltre dedicato all’otorinolaringoiatria pediatrica con approfondimenti sul trattamento medico, sulle indicazioni chirurgiche e sulla prevenzione dei disturbi delle prime vie aeree, mostrando la particolare attenzione riservata ai piccoli pazienti grazie all’ambulatorio pediatrico e ai percorsi chirurgici dedicati.

Oltre agli sviluppi tecnologici, il convegno ha posto un’enfasi particolare sull’importanza della multidisciplinarietà nel trattamento delle patologie ORL e di come la collaborazione tra otorinolaringoiatri, anestesisti, radiologi, oncologi, logopedisti e altri professionisti sanitari sia fondamentale per garantire un approccio completo e personalizzato ai pazienti, tenendo conto non solo degli aspetti medici, ma anche delle loro esigenze emotive e sociali.

Questo focus promosso dalla ASL Roma 6 e dagli Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno ha rappresentato un importante momento di confronto e aggiornamento per la comunità degli otorinolaringoiatri.

spot_img
ARTICOLI CORRELATI
spot_img
spot_img

NOTIZIE PIù LETTE