Operazione antidroga ad Anzio, “Territorio delicato, si investa sul piano investigativo”

Archivio Politica  

Pubblicato 30-10-2020 ore 16:13  Aggiornato: 06-11-2020 ore 15:56

Operazione Antidroga ad Anzio 2, l’intervento delle associazioni Coordinamento antimafia e Reti di Giustizia, tramite Edoardo Levantini e Fabrizio Marras.

“Le associazioni scrivente ringraziano la polizia di stato per l’operazione che ha colpito la piazza di spaccio di piazza Italia. Solo sei giorni fa-per l’ennesima volta da quella zona erano partiti  ”misteriosi” fuochi d’artificio. Ad Anzio, Nettuno, Aprilia le principali organizzazioni mafiose come la ‘ndrangheta e le camorre hanno nel narco traffico il loro business principale.

Le aree comprese tra Aprilia, Anzio, Nettuno, Ardea e Pomezia, da anni, registrano la presenza di organizzazioni criminali che agiscono in stretti rapporti nei rispettivi territori come attestano anche sentenze passate in giudicato.

Alcuni giorni orsono è stato notificato l’avviso di conclusione indagine nei confronti di numerosi appartenenti al clan Gallace.

Su tutti questi territori occorre un grande “investimento” sul piano investigativo, un “investimento che vada a colpire i sistemi criminali di tipo mafioso che operano in questi territori”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Condividi

You must be logged in to post a comment Login