130 attori per la Passione Vivente di Cristo ad Aprilia

Archivio Spettacolo e Cultura  

Pubblicato 03-04-2019 ore 17:40  Aggiornato: 14-04-2019 ore 17:38

Si svolgerà domenica 14 aprile, a partire dalle ore 19:00, la sesta edizione della Passione Vivente di Cristo, appuntamento ormai tradizionale tra gli eventi apriliani, che coinvolge oltre 130 rievocatori storici non professionisti per una performance artistica e religiosa veramente emozionante.

A differenza degli anni passati, l’edizione 2019 inizierà al crepuscolo, per esaltare i momenti più toccanti e presenterà una diversa sistemazione logistica delle varie scene, alcune di nuova concezione, in grado di permettere agli spettatori una maggiore visibilità e partecipazione.

Nella cornice di piazza Roma, saranno ripercorse le stazioni della Passione di Cristo: l’ultima cena, la lavanda dei piedi, il tradimento di Giuda, l’arresto e il processo di Gesù, la flagellazione e la crocifissione, la deposizione. Attori e rievocatori daranno vita alle scene evangeliche, arricchite di luci e scenografie.

Prevista quest’anno, accanto al palco della regia e opportunamente segnalata, anche una postazione pensata per gli spettatori disabili.

La manifestazione – patrocinata dal Comune, che ha offerto un contributo di 6500 euro per la realizzazione dell’evento – è organizzata dalla Pro Loco di Aprilia, con la collaborazione dell’Associazione Passione di Cristo e sotto la regia e la direzione artistica di Francesco Vuturo. Come tutti gli anni, la rappresentazione sarà preceduta dalla sfilata dei rievocatori storici, che mostreranno agli spettatori i costumi impreziositi da elementi che li rendono sempre più verosimili da un punto di vista storico.

Anche quest’anno, inoltre, l’evento vedrà la partecipazione del soprano internazionale Michela Sburlati, titolare della cattedra presso il Conservatorio di Santa Cecilia, che si esibirà durante la scena della Deposizione, grazie all’accompagnamento dai maestri Riccardo Toffoli e Claudio Di Lelio.

“Ringrazio i curatori di questo importante evento per le belle parole che hanno rivolto a me e per il prezioso contributo che danno alla Città – commenta l’Assessore alla Cultura Elvis Martino – la Passione Vivente di Cristo è un evento che ogni anno sa impreziosirsi, per emozionare sempre di più. Aiuta tutti noi a vivere nel modo migliore, come uomini e come credenti, uno dei momenti più importanti della storia dell’uomo”.

Per l’edizione 2019, gli organizzatori ringraziano tutti coloro che contribuiscono alla preparazione dell’evento: Paolo Peroso e Mina Modugno per il coordinamento e la narrazione, la Legio II Parthica Severiana di Albano con il suo gruppo di danzatrici siriane di Giulia Domna, il gruppo di rievocazione storica Phoenix Lavinium, la curatrice dei costumi Sabrina De Santis, La Bottega di Flora per l’allestimento florovivaistico, L’Associazione “Verso la Saggezza”, le Associazioni locali di Protezione civile ALFA, ANC, CB Rondine, la Croce Rossa, le Forze dell’Ordine e la Polizia Locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA    

Letto1282 volte

Condividi

You must be logged in to post a comment Login